Test Drive

Audi A3 a metano 2019: recensione, consumi e costi di gestione (Video)

Auto a metano fa rima con risparmio. Audi, invece, fa rima con premium. Perché chi acquista un’auto a metano non può avere a disposizione un’auto premium? Con questo spirito, nel 2013 è arrivata Audi A3 g-tron, la prima Audi a metano. In questi anni la gamma si è allargata con Audi A4 e A5 g-tron e la stessa A3 ha ricevuto in dote un nuovo motore 1.5 turbo da 131 CV. Scopriamo come va, quanto consuma e quanto costa in questa nostra recensione di Audi A3 g-tron 2019 2020.

NUOVO MOTORE 1.5 TFSI 131 CV: COME VA

Iniziamo allora da quello che cambia rispetto alla precedente versione: il motore.  Il vecchio 1.4 TFSI da 110 CV è stato sostituito con il più moderno e performante 1.5 TFSI da 131 CV, lo stesso che troviamo anche sulle ultime evoluzioni delle “cugine” Seat Ibiza TGI, Skoda Octavia G-TEC e Volkswagen Golf TGI. Cresce la potenza di 21 CV, mentre la coppia rimane di 200 Nm, erogati tra 1.400 giri (100 giri più in basso di prima) e 4.000 giri.

Caratterizzato dalla sovralimentazione mediante turbina a geometria variabile e dal ciclo Miller, tecnologia che migliora l’efficienza complessiva del processo di combustione, il nuovo 4 cilindri conferma è stato ottimizzato per il funzionamento a metano, che avviene nella quasi totalità delle situazioni di utilizzo. In particolare, i pistoni rivestiti in nichel-cromo incorporano nuovi segmenti appositamente modificati per essere compatibili con il gas, mentre valvole e sedi valvole sono state rinforzate per incrementare la resistenza all’usura. Inoltre, le stesse valvole sono state sollevate per migliorare la circolazione del gas verso l’interno della camera.

Le prestazioni migliorano sensibilmente rispetto al precedente 1.4: l’accelerazione 0-100 km/h viene coperta in circa un secondo in meno (9,4 secondi), mentre la velocità massima dichiarata è di 211 km/h. Nella vita reale si apprezza, in particolare, una maggiore fluidità del propulsore ai regimi, con un’elasticità davvero sconosciuta ai tanti 3 cilindri che ormai stanno invadendo il mercato. E un timbro piacevole, quasi sportivo, intorno ai 3.000 giri.

Un elemento che contribuisce parecchio al piacere di guida di questa A3 a metano è il cambio a doppia frizione DSG, un sette rapporti a secco offerto di serie che si fa apprezzare per la reattività e l’intelligenza nelle cambiate, che sono quasi inavvertibili. Ho solo una cosa da segnalare: una leggera incertezza nelle partenze da fermo, con un ritardo forse dovuto alla taratura più turistica del cambio.

Rispetto alle cugine Seat, Skoda e Volkswagen, su Audi A3 g-tron troviamo il selettore delle modalità di guida Audi drive select, che tuttavia non interviene sulla risposta delle sospensioni perché qui non abbiamo i multilink a controllo elettronico. Ma l’assorbimento resta ottimo, pur avendo un assetto tarato sul rigido che privilegia la riduzione del rollio. Sempre rispetto alle altre vetture del gruppo con questo motore, A3 è dotata di uno sterzo dal carico più elevato, quasi sportivo, che permette un miglior controllo della vettura in curva.

AUDI A3 METANO 2019: BOMBOLE E AUTONOMIA

Rispetto al precedente modello, i serbatoi dedicati al gas passano da due a tre, con la nuova bombola in acciaio collocata sotto il divanetto. I due serbatoi principali sono invece realizzati in fibra di carbonio e fibra di vetro e posizionati sotto il fondo del vano bagagli: la loro capienza complessiva è di circa 14 chilogrammi di gas e a livello di capacità di carico comportano la rinuncia al doppio fondo. In totale, la capacità passa da 380 a 280 litri e da 1.220 a 1.120 litri abbattendo lo schienale suddiviso 60/40.

VANTAGGI ECONOMICI

In totale, i due serbatoi in composito e il terzo in acciaio portano la capacità totale del metano a 17,3 kg, per un’autonomia dichiarata di 400 km con un pieno. A fronte dei consumi reali, che nella nostra prova si sono attestati sui 5 kg/100 km, ne deriva un’autonomia superiore ai 350 km, al costo di circa 15 euro per un pieno (valore variabile in base alla pressione di erogazione del metano). Con il metano che attualmente costa in media 99 centesimi di euro al kg, per percorrere 100 km ci vogliono poco meno di 5 euro, quasi la metà rispetto alla stessa vettura alimentata a benzina.

Il terzo serbatoio aumenta l’autonomia rispetto alla vecchia Audi A3 g-tron, ma questo ha comportato la riduzione del serbatoio della benzina a soli 9 litri: in questo modo, Audi A3 30 g-tron 2020 viene omologata come auto monovalente: questo significa che è totalmente o parzialmente esentata dal pagamento della tassa automobilistica (bollo auto) nelle Regioni in cui sono previsti incentivi. Inoltre, in alcune zone d’Italia, le auto alimentate a metano sono addirittura esentate dai blocchi del traffico.

L’auto funziona a benzina solo quando finisce il metano (il passaggio avviene in automatico), negli istanti successivi ad un rifornimento di metano oppure a temperature esterne inferiori ai -10 °C. A benzina si possono percorrere ulteriori 100-120 km prima che entri la riserva, con consumi nell’ordine dei 6 litri di benzina per 100 km.

IN ATTESA DEL SELF-SERVICE

La scelta di rendere questa A3 monovalente può risultare un problema in caso di emergenza, in quanto sono pochi i distributori di metano aperti fuori dall’orario di servizio e il self-service è ancora una chimera in Italia, nonostante nel marzo 2019 sia stato pubblicato un decreto che modifica la norma riguardante l’esercizio degli impianti di distribuzione stradale del metano per permettere l’erogazione del metano stesso in modalità self-service. E poi bisogna fare i conti con i pochi distributori in Italia:  circa 1.340 stazioni a fronte di 1 milione di auto circolanti.

I VANTAGGI AMBIENTALI

Il metano è una soluzione che permette di risparmiare tanto perché il prezzo del metano è ridotto e i consumi sono decisamente bassi. E poi è un carburante che, seppur di origine fossile, contribuisce a ridurre in maniera consistente le emissioni di CO2: -25% con il metano tradizionale, -35% con il biometano e addirittura -80% con il metano sintetico, sperimentato per il momento proprio da Audi in Germania.

REVISIONE BOMBOLE AUDI A3 METANO

Di contro, un’auto a metano come Audi A3 impone, come del resto tutte le auto a metano dotate di serbatoi in acciaio e serbatoi in composito nella stessa vettura:  due diverse revisioni: su auto nuove, la revisione delle bombole in materiale composito deve essere effettuata dopo 4 anni dall’acquisto e poi ogni 2 anni, mentre quella della bombola in acciaio ogni 4 anni. E se il costo della revisione delle bombole è gratuito (anzi, per la precisione, è finanziato dagli stessi automobilisti per mezzo di un’accisa inclusa nel prezzo del metano), si paga invece la manodopera e l’eventuale sostituzione delle stesse bombole. I prezzi variano in maniera considerevole in base ai centri autorizzati, con un’oscillazione tra i 100 e i 300 euro a intervento.

LA “SOLITA” AUDI A3

Per il resto, parliamo della “solita” e rassicurante Audi A3, un progetto nato nel 2012 e sempre aggiornato nel corso del suo ciclo di vita, ma che in alcuni elementi inizia ad accusare il peso degli anni (il nuovo modello è atteso a inizio 2020): nulla cambia rispetto alle versioni diesel e benzina, come possiamo vedere dall’interessante pacchetto S line dell’esemplare in prova.

L’unica eccezione sta nella strumentazione, che sulla variante a metano è solamente analogica: niente Virtual Cockpit configurabile. Il piccolo display a colori al centro è ben leggibile, come del resto i due strumenti analogici, ma le informazioni non sono chiarissime: più razionale l’organizzazione delle info nelle cugine Volkswagen, Seat e Skoda.

Lo stesso vale per il sistema di infotainment MMI Touch, dotato di un display da 7 pollici: tante le funzioni, perché abbamo il navigatore con mappe 3D, Google Earth e servizi online tramite la SIM LTE integrata, e controllo tramite il rotore al centro del tunnel con superficie touch. Intuitivo e comodo il rotore, ma i menu sono a volte un po’ troppo complicati e la grafica è datata. Presente la compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto e la ricarica wireless per smartphone, entrambi a pagamento rispettivamente a 435 e 420 euro.

AUDI A3 G-TRON METANO 2019 2020: PREZZO E DOTAZIONE

Il prezzo di questa Audi A3 30 g-tron a metano è allineato a quello delle versioni a benzina e diesel: dunque, c’è tanta qualità, le finiture sono curatissime, ma questa cura si paga. Non tanto per il prezzo di base che parte da 30.400 euro, quanto per la cifra richiesta per il nostro esemplare, in versione Admired, che con pochi optional raggiunge i 37.920 euro.

A questo prezzo vanno infine aggiunti gli ADAS, che sono di ultima generazione ma tutti a pagamento, inclusi volendo in un pacchetto a 1.600 euro: sistema di ausilio al parcheggio plus con visualizzazione perimetrale, lane assist con centramento di corsia, cruise control adattivo con funzione stop&go da 0 a 200 km/h, traffic jam assist, emergency assist, frenata automatica di emergenza con riconoscimento pedoni e abbaglianti automatici, oltre ai sensori di parcheggio.

Audi A3 g-tron nasce per coniugare il piacere di guidare un’auto dalla qualità e dai contenuti premium con i vantaggi derivati dal metano: bassi costi di esercizio e comfort di marcia. Il tutto con le prestazioni assicurate dall’azzeccatissimo abbinamento tra il nuovo motore 1.5 TFSI e il cambio S tronic. 

CONFIGURATORE AUDI A3 METANO 2019 2020

Che ne pensate di Audi A3 30 g-tron 2019 e delle auto a metano in generale? Fatecelo sapere nei commenti! E non dimenticatevi di seguirci anche sui nostri canali social, su Facebook e Instagram, di scriverci via SMS o Whatsapp al numero 3515680441 per qualsiasi domanda e di non perdervi le puntate di ShowcarTV in tutta Italia.

Simone Facchetti