News

Audi e-tron Sportback: svelato il SUV coupé elettrico e aerodinamico

Il secondo modello elettrico della famiglia Audi e-tron è stato presentato ufficialmente e arriverà sul mercato nel secondo trimestre del 2020. Si tratta del nuovo Audi e-tron Sportback, versione coupé del SUV elettrico dei Quattro Anelli. 

BASSO E AERODINAMICO

Caratterizzato da dimensioni generose – 4.900 mm lunghezza x 1.930 mm larghezza x 1.620 mm altezza x 615/1.655 litri di bagagliaio – Audi e-tron Sportback differisce dalla versione standard per un tetto da coupé, che si integra quasi senza soluzione di continuità nella coda alta e massiccia.

Una scelta che premia l’impatto stilistico ma che ha risvolti pratici significativi, in primis sull’aerodinamica: grazie al Cx di soli 0,25, infatti, Audi e-tron Sportback (con allestimento S line edition e gli specchietti retrovisori esterni sostituiti da due telecamere con schermi interni OLED) riesce ad essere più efficiente, dichiarando un’autonomia superiore rispetto ad Audi e-tron: 446 km contro 400. Di questi 46 km aggiuntivi, 10 km sono riconducibili alla forma della vettura. 

LED MATRIX “A PROIETTORE”

Tra le novità introdotte da Audi e-tron Sportback rispetto alla versione di partenza spiccano i proiettori a LED Digital Matrix, per la prima volta disponibili (a partire dal 2020) su una vettura di grande serie. La loro tecnologia DMD (Digital Micromirror Device, la stessa dei videoproiettori professionali) prevede la scomposizione del fascio di luce in pixel infinitesimali, servendosi di un milione di microspecchi dalle dimensioni di qualche centesimo di millimetro che cambiano orientamento fino a 5.000 volte al secondo. In funzione della posizione, la luce a LED viene proiettata lungo la strada oppure catturata da un assorbitore così da generare delle zone d’ombra.

Oltre alle funzioni Leaving Home/Coming Home e abbagliante automatico con selezione precisa del fascio luminoso e dei conseguenti coni d’ombra per non abbagliare gli altri automobilisti, i LED Digital Matrix prevedono le feature “luce di orientamento” e “luce di carreggiata”.

“Lungo le strade ad alto scorrimento, la luce di carreggiata genera un tappeto luminoso che rischiara la corsia di marcia adattandosi ai cambi di traiettoria dell’auto. Ciò concentra l’attenzione del conducente sulla corsia rilevante e aumenta la sicurezza stradale. Diversamente, la luce di orientamento, tramite la proiezione delle zone d’ombra, mostra in modo predittivo la posizione del veicolo all’interno della corsia, favorendo il mantenimento del centro strada, specie nelle strettoie o in prossimità dei cantieri. In aggiunta, in abbinamento al sistema Night Vision, a richiesta, è disponibile la luce segnaletica. Se il sistema rileva la presenza di un pedone, il fascio luminoso lo evidenzia, riducendo il rischio che le persone sul ciglio della strada non vengano viste”.

DUE TAGLI DI BATTERIA E POTENZA

Il powertrain di Audi e-tron Sportback è lo stesso di Audi e-tron, disponibile in due varianti: 50 e 55. Audi e-tron Sportback 50 quattro propone un pacco batterie da 71 kWh, due motori elettrici (trazione integrale quattro) da 313 CV e 540 Nm di coppia. L’autonomia WLTP, in questo caso, è di 347 km con una ricarica, mentre le prestazioni vedono un’accelerazione 0-100 km/h in 6,8 secondi e una velocità massima di 190 km/h. Questa versione accetta la ricarica rapida in corrente continua (DC con connettore CCS Combo) con potenza fino a 120 kW, oltre a quella in corrente alternata (AC con connettore di tipo 2) fino a 11 o 22 kW (con il caricatore optional disponibile nel 2020). 

Audi e-tron Sportback 55 quattro, con batteria da 95 kWh, aumenta non solo la potenza di ricarica massima assorbibile (150 kW) ma anche l’autonomia WLTP (446 km) e le prestazioni, grazie ai 360 CV e 561 Nm che diventano, in modalità Boost, 408 CV e 664 Nm. Lo 0-100 viene coperto in 5,7 secondi, mentre la velocità massima raggiunge i 200 km/h (autolimitati).

Invariati gli interni di Audi e-tron Sportback rispetto ad e-tron, e invariato è anche l’efficace sistema di recupero dell’energia predittivo in grado di recuperare fino a 220 kW di potenza.

Simone Facchetti