Elettrico & Tech

ChaDeMo 3.0: ricarica ultra rapida fino a 500 kW con il nuovo standard

C’è un nuovo standard di ricarica in città: si chiama ChaDeMo 3.0 e rappresenta, in realtà, un’evoluzione di quel protocollo per la ricarica ad alta potenza per veicoli elettrici diffuso soprattutto in Asia (Cina e Giappone) ma presente anche in Europa in quanto necessario per rifornire di energia i veicoli dotati di questo standard (per esempio Nissan Leaf, Mistubishi Outlander PHEV e pochi altri modelli). Un sistema che si propone come l’alternativa definitiva al predominio dello standard CCS Combo, diffuso invece in Europa e Stati Uniti.

RICARICA ULTRA-RAPIDA

Rilasciato dalla ChaDeMo Association negli scorsi giorni, il nuovo protocollo ChaDeMo 3.0 è stato co-sviluppato insieme al China Electricity Council e con il nome di progetto ChaoJi. Anche per questo è già pronto per interfacciarsi con il protocollo di comunicazione cinese GB/T, per il quale arriverà una versione dedicata entro il prossimo anno, quando lo standard verrà implementato sulle colonnine e sui primi mezzi elettrici (inizialmente veicoli commerciali, poi anche vetture passeggeri). E anche altre aree del continente, tra cui l’India, la Corea del Sud e il Sud-Est asiatico hanno mostrato un certo interesse per la sua adozione.

L’ultima versione di ChaDeMo si presenta con un connettore ridisegnato: più compatto, senza meccanismo di blocco lato veicolo, dotato di un sistema di raffreddamento a liquido e collegato ad un cavo dal minor diametro. Ma la sua peculiarità è la possibilità di erogare energia elettrica ad una potenza massima di “oltre 500 kW“, con un massimo di 600 Ampere.

COMPATIBILE CON GLI ALTRI STANDARD

Assicurata la compatibilità dei veicoli dotati del nuovo standard ChaDeMo 3.0 con i connettori appartenenti ai protocolli CCS Combo e l’attuale ChaDeMo, tramite adattatori.