Test Drive

Citroen Berlingo, la prova della multispazio tuttofare francese

Di vecchio è rimasto solamente il nome, infatti la nuova Citroen Berlingo è un prodotto totalmente inedito ed in grado di coniugare versatilità, divertimento, capacità di carico e abitabilità in un’unica vettura.La terza generazione del Citroen Berlingo, si scrolla di dosso la definizione “puramente multispazio” per strizzare l’occhio al mondo dei suv, del resto il nostro modello dotato di ADVANCE GRIP CONTROL, riesce a modulare l’esp su diverse tarature , per avere una tenuta adeguata in qualsiasi condizione stradale.

Nata dalla nuova piattaforma PSA EMP2, che fornisce la base a vetture come la 308 di Peugeot e la neonata C5 Aircross, la Berlingo condivide componentistica e scocca con le cugine Peugeot Rifter e Opel Combo, che abbiamo provato in anteprima, mantenendo uno stile del tutto personale ed in linea con la filosofia del DOUBLE CHEVRON, soprattutto nel frontale e nella plancia, con una serie di elementi colorati ed in contrasto che la distinguono al primo sguardo.

Lunga 440 cm, alta 187 cm e larga 185, la Berlingo è disponibile in due varianti, corta, come quella in prova o XL che guadagna 35 cm, ma in entrambe i casi disponibile anche a 7 posti.
Chiaramente la XL può contare su un passo aumentato da 278 a 297 cm a tutto vantaggio dell’abitabilità, straordinaria anche nel nostro modello, che propone ben 3 sedili separati singolarmente, ben sagomati e ribaltabili completamente per avere una capacità di carico da urlo che passa da 597 litri fino a 2126 con la possibilità di ribaltare anche lo schienale del sedile anteriore passeggero, per colli lunghi e voluminosi.La finitura del vano è essenziale, ma ricco di ripostigli e molto versatile, con un’apertura ampia e regolare, infine il piano basso agevola il carico di bagagli pesanti. Il portellone è molto grande e può risultare pesante, ma chiedere anche un comando elettro attuato sarebbe stato troppo, ma utile. C’è la possibilità di avere anche l’apertura separata del cristallo, non presente nel nostro modello.

Chi siede dietro può contare su uno spazio da record, con molti confort a disposizione, dalle tre isofix, ai tavolini aeronautici, alle tasche sul retro dei sedili a due botole sotto i tappettini, ripostigli sulle portiere le bocchette dell’aria, regolabili a richiesta, inoltre c’è anche una presa per caricare i device, inoltre troviamo i vetri elettrici e le tendine a scomparsa degne di una vettura di classe superiore. 

Ma la Berlingo si contraddistingue anche per gli infiniti ripostigli, da quello posto in fondo al cielo del tetto molto capiente, completo di due aperture scorrevoli ed una ribaltabile,  al tunnel sul tetto realizzato in materiale traslucido per far filtrare la luce del tetto in cristallo, con tendina elettrica, che termina in due capienti pozzetti  sopra le alette parasole, inoltre i numerosi punti luce con spot di lettura e le porte scorrevoli, completano un quadro unico per confort e abitabilità.

Il posto guida è ben conformato , con la regolazione lombare e in altezza inoltre si può ottenere anche il riscaldamento, presente nel nostro esemplare. Ottimi i doppi braccioli, che prò impediscono di abbattere completamente il sedile passeggero.

I materiali sono robusti ma rigidi, in compenso il panno dei sedili è di ottima qualità, come gli assemblaggi, poi, la nota di colore su diversi elementi, ravviva un ambiente davvero unico.

A differenza della Rifter, la Berlingo adotta un quadro strumenti di tipo classico con uno schermo centrale completo e ricco di informazioni, come la lettura dei cartelli stradali, i dati del Grip Control e del navigatore.
Il volante ha una corona  foderata in morbida pelle ed ha un design sportivo, con comandi sulle razze facili da usare, peccato per il cruise control ancora sul piantone.
Key Less, con accensione a pulsante e freno di stazionamento elettrico, sono una piacevole sorpresa, inoltre con il Grip control si può ottenere l’assistente elettronico per affrontare le discese ripide in piena sicurezza.
Il nostro Berlingo ha in dotazione i comandi fisici manuali del clima, ma nella lista degli optional si può attingere anche a quello automatico bizona.
Uno dei punti di forza è il nuovo sistema di connettività con schermo touch da 8 pollici completo di navigatore, Apple CarPlay, MirrorLink, Android Auto e telecamera con visore dall’alto, inoltre con i servizi connect box, si è sempre on line.La nuova Berlingo è una vettura altamente tecnologica, che utilizza largamente i sistemi Adas di PSA, a partire dal segnalatore di mantenimento corsia, il cruise control adattivo, il led per l’angolo cieco, l’head up display, il rilevatore di stanchezza, l’allerta di rischio collisione, la frenata d’emergenza, il segnalatore di avvicinamento di vettura che segue e ripartenza in salita, i fari con abbaglianti automatici e adattivi in curva, insomma non manca davvero nulla.

Alla guida il motore diesel da 1,5 litri non è certo una scheggia, ma sa offrire un buono spunto, grazie ai sui 100 cv e la coppia di 250Nm, la velocità di punta è di 171 Km/h, mentre l’accelerazione da 0 a 100 avviene in circa 12 secondi.
Il cambio è a 5 rapporti, con innesti facili e marce ben rapportate, preferibili le 6 rapporti  del 130cv o meglio ancora l’ottimo EAT8 automatico con ripartitore di coppia.
Per percorrere 100 Km in tratto urbano servono 4,8 litri, 4 nll’extraurbano e 4,3 nel mito, chiaramente  parliamo di dati dichiarati.

Lo sterzo offre un buon raggio ed una morbidezza forse eccessiva, mentre le sospensioni, che adottano uno pseudo McPherson anteriore ed una traversa deformabile sul posteriore si sono rilevate ben tarate con un giusto compromesso sia per la l’asfalto che il leggero fuoristrada inoltre il rollio risulta contenuto e la tenuta buona con i cerchi da 16 pollici ma la stabilità paga l’altezza complessiva.
Buoni i freni, ma il beccheggio ogni tanto è un po’ evidente.
In chiusura, silenziosità e confort sorprendenti per il tipo di vettura.

I prezzi?
La gamma parte da 20.000 euro, mentre il nostro modello lo portate a casa con 25.000 euro optional esclusi.

Autore dell'articolo:

Showcar