News

Condizioni estreme per i test di BMW iNext

Dalle temperature estremamente fredde alle temperature estremamente calde, passando dall’asfalto perfetto dei migliori circuiti al mondo fino ai sentieri impervi e sdrucciolevoli, per finire poi imbottigliati nel traffico quotidiano, queste sono le prove alle quali i prototipi BMW iNext sono sottoposti prima di essere definitivamente mandati in produzione. Vediamo come se la sono cavata!

L’obiettivo del test drive in particolari condizioni climatiche e del manto stradale è quello di verificare la tenuta del veicolo, la resistenza e la performance delle componenti come le sospensioni e la trazione. Il team di esperti collaudatori, tecnici ed ingegneri BMW ha ben pensato di testare la iNext in tre fasi che prevedono tre location diverse e tre situazioni diverse. La prima fase, sul ghiaccio e precisamente al Winter Center di Arjeplog (Svezia), vede il veicolo sottoposto alle estreme temperature del circolo polare artico non solo per verificare la tenuta del veicolo a contatto con il manto ghiacciato, ma anche e soprattutto per registrare le reazioni delle componenti più delicate, come la batteria, e verificarne il rendimento in condizioni appunto estreme. Diametralmente opposta appare la fase due del test drive in quanto il prototipo iNext viene portato a sud del Continente africano, nel Kalahari, dove i tecnici hanno verificato, attraverso sofisticate apparecchiature, la reazione interna ed esterna del veicolo sia alle temperature aride, ma in modo particolare alla marcia sulle dune di sabbia in termini di resa delle guarnizioni delle portiere e del cofano. A quanto pare la nuova iNext sa come sollevare un polverone…senza ritrovarsi la sabbia all’interno. Terza e ultima fase, ma non meno importante, la prova su circuito e strada per testare il mantenimento ad alta velocità e il temperamento del veicolo sottoposto alle pressioni del traffico. In questa fase il team BMW  ha sottoposto, in tempi ristretti, il veicolo a situazioni che generalmente si troverebbe ad affrontare in un lasso temporale più dilazionato, per verificarne la stabilità, affidabilità e la durata.

La nuova BMW iNext, che andrà in produzione a partire dal 2021, ha avuto modo di dare prova della rinomata affidabilità targata BMW Group in situazioni eccezionali, dimostrando di saper mantenere il controllo ad alta velocità quando posta in un contesto adrenalinico come quello offerto dal Nürburgring e di saper resistere alle pressioni del traffico quotidiano grazie alla tecnologia avanzata Stop & Go. Inoltre, non si tira certo indietro in situazioni estreme come il ghiaccio e la sabbia dimostrando, grazie al sistema BMW eDrive di quinta generazione, che il piacere di guida non verrà in alcun modo compromesso, anzi verrà intensificato!

Ma il traguardo più importante? BMW iNext sarà ammiraglia della generazione full electric del gruppo tedesco, dunque il risultato più importante è quello di aver certificato la resistenza della batteria alle temperature prima gelide e poi aride senza comprometterne durata e performance! Tutto questo è possibile sia grazie al sistema di raffreddamento integrato per la batteria che al condizionamento dell’aria interno che poggia sull’innovativa tecnologia della pompa termica e ai componenti dell’elettronica.