News

Il coronavirus non ferma la fusione FCA-PSA

Negli scorsi giorni hanno iniziato a circolare rumor secondo cui la diffusione del coronavirus – con la conseguente crisi economica dovuta alla sospensione delle attività produttive e alla contrazione del mercato – avrebbe congelato le attività di fusione tra i gruppi automobilistici FCA e PSA, previste per il completamento entro 12-15 mesi dall’annuncio ufficiale di dicembre 2019. A chiarire la questione ci pensano i vertici di Groupe PSA che, come riporta Automotive News, in una nota hanno spiegato che non è il momento di speculare su eventuali e non confermate modifiche alle condizioni contrattuali.

Non solo, PSA ha aggiunto che, in un momento delicato come questo, in cui ogni parte sta prendendo delle decisioni per garantirsi la propria sostenibilità finanziaria, una fusione come quella in programma non potrà che fare bene a entrambe. “Si lavora con lo stesso impegno di prima”, conclude la nota di PSA.