Test Drive

Dacia Duster 4×4, il test drive della Suv intelligente

In commercio da pochi mesi, la nuova Duster ha di fatto confermato il successo della serie precedente, anzi, si appresta con disinvoltura a surclassare il dato.

La matita di VanDenAker è riuscita in un compito molto difficile, quello di rendere ancor più accattivante una vettura particolare ma al contempo unica.Se le misure restano invariate, con una lunghezza complessiva di 434 cm, la larghezza di 180 cm e l’altezza di 170 cm, la nuova Duster è più filante e dinamica, grazie alla finestratura rialzata, il montante A maggiormente inclinato  per offrire maggior spazio a bordo, infine il passo di  267 è la garanzia di un’eccellente abitabilità.

 

Il frontale, reso più aggressivo e moderno è dominato dai proiettori avvolgenti con luci diurne a led, mentre la mascherina più larga è impreziosita da elementi cromati.
Il grande scivolo completa l’aspetto da vera Suv, del resto l’angolo d’attacco permette di affrontare in piena sicurezza anche discese o salite particolarmente rigide.

Il cofano ricco di rilievi si raccorda ai passaruota maggiorati che nella parte anteriore culminano in una presa d’aria simulata, che ha la funzione di proteggere il fianco dalle pietre scagliate in marcia.

Il posteriore si contraddistingue con i nuovi proiettori in rilievo dalla forma geometrica, ed il grande scivolo in materiale antiurto, Peccato manchino delle protezioni nei passaruota.

Il baule ha un’apertura ampia e regolare con il piano a livello e la finitura in moquette, ottimo anche il doppio fondo attrezzato.
Abbattendo gli schienali suddivisi in 40 e 60 non  risulta alcun scalino, offrendo uno spazio estremamente liscio.
La capacità passa da 478 fino a raggiungere i 1623 litri, peccato solo che manchi una botola di collegamento con l’abitacolo.

Il modello il prova è il top di gamma, ovvero il Prestige che offre una dotazione di serie ricca e tecnologica mantenendo, nel prezzo di accesso, il suo punto di forza. Infatti nell’abitacolo abbiamo i sedili in pelle, ma i materiali nel complesso sono rigidi ma robusti e gli assemblaggi risultano corretti.

Dietro si viaggia bene anche in 3, con una seduta ben conformata, non ci sono bocchette dell’aria o prese per caricare i device, ma le tasche sul retro dei sedili e nei pannelli porta sono molto utili.

Il posto guida è comodo, grazie ai nuovi sedili, regolabili con numerosi comandi manuali, nel nostro modello dotati di riscaldamento.
La plancia ha un design indovinato, con diversi ripostigli dove alloggiare oggetti ed i comandi del clima automatico, facili ed intuitivi. Il volante in pelle, con un design sportivo offre il rivestimento in morbida pelle e diversi comandi. La regolazione è sia in altezza che in profondità.
Il quadro strumenti è di tipo classico, con uno schermo centrale ricco di info. Il sistema di connettività può contare su un sistema con schermo touch che offre anche un sistema di camere unico per la categoria, che controlla ogni angolo della vettura con l’aiuto di 4 telecamere esterne, ottimo soprattutto in fuoristrada, inoltre troviamo la bussola ed il rilevatore di inclinazione, oltre ai dati sullo stato della vettura ed i consumi, compresi i settaggi di guida.
Il navigatore è semplice ma efficace, mentre per connettere lo smartphone, abbiamo solo il Bluetooth ed una presa USB più un jack.

Il nostro modello è dotato di numerosi dispositivi di sicurezza, dal rilevatore a led dell’angolo cieco, al discent control, l’assistente di ripartenza in salita, i sensori di parcheggio, ed, infine, il cruise control con limitatore di velocità.

Le ricercatezze non finiscono qui, infatti si può contare sul sistema key less con accensione a pulsante, con chiave a scheda di derivazione Renault.

Il nostro modello è dotato del propulsore da 1, 5 litri diesel da 110 cv che offre una coppia di 260 Nm a 1750 giri, la velocità di punta è di 171 KM/h, mentre per passare da o a 100 servono poco più di 11 secondi.
Il cambio manuale a 6 marce ha una prima marcia molto corta, ottima per il fuoristrada e una rapportatura molto ravvicinata, questo dettaglio permette anche di ripartire in seconda senza problemi.

Le sospensioni alte sono molto confortevoli, ed assorbono, oltre all’off road, anche buche e tombini con efficacia, benché ogni tanto si avverta  il rollio, ma tutto sommato tutto nella norma.
I freni agiscono bene anche se nella zona posteriore abbiamo ancora dei tamburi.
Lo sterzo leggero consente di avere un buon raggio in manovra grazie al servo elettrico con assistenza variabile.
La trazione integrale, rende la Duster unica, infatti può affrontare anche dell’off road impegnativo, bloccando il differenziale, in alternativa si può optare per la ridistribuzione automatica o il 4 x2 anteriore.
I consumi sono in linea con la migliore concorrenza infatti possiamo percorrere 100 km con una media dichiarata di poco meno di 5 litri.

Il prezzo del nostro modello è di 19.500 euro, ma la gamma Duster parte da soli 11.900 euro, un vero record.

Autore dell'articolo:

Showcar