Elettrico & Tech

Fari laser BMW: come funzionano?

Come funzionano i fari laser di BMW? Basta chiederlo alla propria BMW. Grazie all’Intelligent Personal Assistant, infatti, ogni BMW di ultima generazione (ovvero quelle dotate del sistema operativo 7.0) non avrà segreti: è sufficiente azionare i comandi vocali con la formula “Ciao BMW” (dove BMW può anche essere sostituito da un nome a piacere) per attivare un vero e proprio tutorial in grado di illustrare, in modo semplice e chiaro (anche mediante supporti multimediali sul display centrale), tutte le funzionalità di cui è dotata la vettura.

LUCE ADATTIVA

Tra le funzioni più innovative della gamma BMW figura sicuramente la tecnologia BMW Laserlight, ovvero i fari adattivi a LED con funzione di abbagliante laser. Il Gruppo BMW ha trovato un’alternativa ai proiettori a matrice di LED utilizzati da molti altri Costruttori: sfruttando un proiettore con tecnologia Selective Beam, è infatti possibile selezionare il fascio di luce degli abbaglianti in base alle informazioni provenienti da una telecamera esterna, che riportano dati sulle condizioni di luce, sul tipo di strada percorsa e sul traffico circostante, per evitare di abbagliare gli altri utenti della strada.

Il Selective Beam raddoppia la portata dei tradizionali abbaglianti a LED (che si differenziano da quelli laser per l’assenza degli inserti blu), che (a seconda dei modelli), arriva fino a 500-600 metri: questo perché in un proiettore laser, i raggi luminosi vengono concentrati in modo da formare un fascio dall’intensità luminosa 10 volte superiore a quella delle sorgenti luminose tradizionali.

PIACEVOLE AGLI OCCHI

La luce emessa da un proiettore laser è bianca, naturale: il merito è del luminoforo al fosforo, una sostanza luminscente che emette luce a temperatura ambiente, molto intensa quando, all’interno del proiettore, i raggi di tre diodi laser ad alte prestazioni vengono puntati attraverso delle ottiche speciali su di esso.

La superficie di uscita della luce di un diodo laser è cento volte più piccola di quella di un diodo luminoso tradizionale, che misura un millimetro quadro. Questo comporta il vantaggio che anche il riflettore necessario per la luce laser è di dimensioni decisamente ridotte. Nel caso della BMW i8 (primo modello a dotarsi di tale tecnologia nel 2014, ndr) esso ha un diametro inferiore a 30 millimetri.

Questo ha un’implicazione anche estetica: grazie all’ingombro ridotto del riflettore, è possibile ottenere un faro più sottile (è il caso dei proiettori anteriori di BMW Serie 8, i più sottili mai realizzati da BMW), più leggero e, perché no, più aerodinamico, con effetti sensibili anche sulla riduzione di consumi ed emissioni.

BMW: LE RECENSIONI DI SHOWCAR

BMW 330e: la prova della Serie 3 ibrida plug-in | Consumi reali e app (Video)

BMW X6 2020: la prova su neve e ghiaccio (Video)

BMW Serie 1: vecchia e nuova a confronto (Video)

BMW X7: recensione e prova su strada dell’ammiraglia SUV

BMW Serie 8: recensione della GT di lusso con motore diesel (Video)