Elettrico & Tech

Ford Focus 2020: arrivano mild hybrid e strumentazione digitale

A pochi giorni dalla presentazione di Ford Fiesta ibrida, è tempo di mild hybrid anche per Ford Focus: la segmento C dell’Ovale Blu, che abbiamo provato di recente nella più potente versione ST da 280 CV, si presenta con l’edizione 2020 con tante novità, tra cui il sistema EcoBoost Hybrid a 48 V già visto anche sotto il cofano di Ford Puma.

FORD FOCUS 2020: COSA CAMBIA

La novità più evidente del model year 2020 di Ford Focus è la strumentazione digitale, un pannello di 12,3 pollici TFT con tecnologia “true-color” a 24 bit che offre colori realistici, dettagli precisi e transizioni fluide. Sulla versione EcoBoost Hybrid, inoltre, il display configurabile, integrato nella forma del quadro strumenti, offre un’ulteriore schermata con i flussi di energia e tutte le statistiche relative alla parte elettrica.

Ford Focus 2020 sarà anche dotata di serie del modulo FordPass Connect, ovvero la rete internet permanente, finora disponibile solo sulle versioni più ricche. Entro fine anno, la presenza della SIM permetterà il funzionamento del Local Hazard Information, ADAS che informa il conducente (mediante un avviso nella strumentazione) di eventuali pericoli sulla strada (ad esempio un incidente, un cantiere o un veicolo fermo in avaria).

FORD FOCUS IBRIDA: I DETTAGLI DEL SISTEMA ECOBOOST HYBRID 48 V

Il nuovo motore 1.0 EcoBoost Hybrid di Ford Focus, disponibile nei powerstep da 125 o 155 CV, rende Focus un’auto omologata ibrida a libretto, con tutti i vantaggi che questo comporta. La versione da 155 CV, inoltre, offre una potenza specifica più che doppia rispetto alla versione 2.0 aspirata da 145 CV disponibile sulle Focus di 10 anni fa, il tutto con un’efficienza superiore del 45% (nel ciclo NEDC).

Il sistema mild hybrid a 48 V è lo stesso di Fiesta e Puma EcoBoost Hybrid: un generatore/starter BISG da 11,5 kW di potenza (circa 16 CV) e 24 Nm di coppia (50 Nm nella modalità di guida Sport) viene in aiuto del motore termico 1.0 turbo 3 cilindri da 125 CV per recuperare energia in frenata e rilascio e fornire maggiore spunto. Disponibile unicamente con il cambio manuale, Focus EcoBoost Hybrid dichiara emissioni di CO2 a partire da 93 g/km e consumi di benzina pari a 4,1 litri/100 km nel ciclo NEDC (115 g e 5,1 l/100 km nel più realistico ciclo WLTP).

Grazie al BISG, Focus Hybrid possiede una funzione Start&Stop più evoluta, in grado di spegnere il motore anche in caso di decelerazione fino a una velocità inferiore ai 25 km/h e anche quando il veicolo è in marcia, con il pedale della frizione premuto. Presente la disattivazione di uno dei tre cilindri, funzionalità disponibile anche sugli altri motori a benzina, ovvero il 1.0 EcoBoost 100 CV (con cambio manuale a 6 marce), il 1.0 EcoBoost 125 CV (manuale 6 marce o automatico a 8 rapporti), il 1.5 EcoBoost 150 CV e il 1.5 EcoBoost 182 CV (con disattivazione di 2 cilindri e cambio automatico a 8 rapporti).