Test Drive

Ford Focus ST, sound e divertimento con la 2.3 EcoBoost (Video)

Abbiamo tanto atteso la versione 2020 di Ford Focus RS, il fiore all’occhiello di Ford Performance, e, beh, ci conviene smettere di sognare -vista la sua cancellazione- e “accontentarci” della ST… Insomma, “accontentarci” si fa per dire, anche perché su Nuova Ford Focus ST la sportività non manca di certo, specialmente se nella versione in prova, equipaggiata con propulsore benzina 2.3 EcoBoost da 280 cv… Già, parliamo proprio dello stesso motore visto su Mustang e sulla scorsa edizione di Focus RS, qualche cavallo in meno, ma divertimento assicurato!

LOOK E DIMENSIONI

Nuova Focus l’abbiamo conosciuta ormai in tutti gli allestimenti e c’è da dire che questa nuova versione sportiva è molto fedele, per quanto riguarda il look, alla ST Line provata qualche mese fa, a partire dalle dimensioni: parliamo di una lunghezza di poco inferiore ai 440 cm, una larghezza di 185 ed un’altezza di 145 cm, quindi è più bassa di una tradizionale Focus. Passo di 270 cm e un’unica carrozzeria disponibile, quella 5 porte. Restando in tema dimensioni, anche il bagagliaio è spazioso, con una capacità di partenza di 375 litri, che arrivano fino a 1354 abbattendo gli schienali dei sedili frazionati in 40:60… Attenzione, nessuna ruota di scorta qui, bensì un kit di gonfiaggio

Tornando al look, Focus ST si differenzia dalla ST Line per pochi, ma essenziali dettagli: il paraurti sportivo in plastica nera opaca (a differenza del color carrozzeria degli altri allestimenti) con griglia a nido d’ape dedicata e logo ST, inediti cerchi in lega da 19″ Magnetide (che abbassano l’assetto di 10 mm), pinze freno rosse ed un esclusivo spoiler posteriore che contribuisce a mantenere la vettura incollata al terreno anche durante gli utilizzi più estremi. Sono inoltre a Led i fanali posteriori, mentre quelli anteriori oltre che Led, sono anche a matrice adattivi. Sette le colorazioni disponibili nel configuratore, tra cui l’inedito Orange Fury ed il Ford Performance Blue del modello in prova, optional a 1.100€.

INTERNI

Internamente la sportività la fa da padrona, grazie ai sedili anteriori contenitivi firmati Recaro riscaldabili ed entrambi regolabili elettricamente. Pomello del cambio dedicato e targhetta ST anche sul volante multifunzione, che riporta, tra i vari pulsanti, anche quelli per la selezione delle modalità di guida (Normal, Sport, Slippery/Wet e Track), oltre a quello dedicato unicamente alla modalità Sport, di cui parleremo dopo. Interessanti anche gli inserti sia nel pannello porta che nel cruscotto che simulano la fibra di carbonio.

La plancia è tecnologica, come quella delle altre Focus, con quadro strumenti con display centrale da 4,2″ con grafica dedicata utile per visualizzare le informazioni inerenti allo stato della vettura (sarebbe disponibile anche l’head-up display in opzione a 500€, ma nel nostro esemplare non c’è) e sistema di infotainment SYNC3 con schermo capacitivo da 8″ ricco di navigatore 3D, Apple CarPlay, Android Auto e Bluetooth. Al dì sotto, climatizzatore bizona, presa USB, 12V e ricarica wireless per i dispositivi. 6, inoltre gli altoparlanti del sistema audio affidato a B&O. Un dettaglio che in molti hanno definito scomodo è il poggia braccio posizionato nel tunnel centrale con portaoggetti, benché debba ammettere che a me personalmente non abbia mai creato alcun disagio. A proposito di portaoggetti, ho trovato molto comoda la soluzione adottata nel tunnel, che consente la personalizzazione degli spazi a seconda degli utilizzi.

Posteriormente Focus ST è spaziosa come una Focus tradizionale, d’altronde sportività non significa necessariamente sacrificare il comfort per eventuali passeggeri. Ampio lo spazio sia per le gambe che per la testa per tutti e tre gli occupanti; in più, nel tunnel centrale, troviamo una presa 12V, con il sedile centrale reclinabile per ottenere un comodo poggia braccio.

MOTORE

Sotto al cofano di Ford Focus ST si nasconde lo stesso 4 cilindri 2.3 Ecoboost di Ford Mustang che si differenzia per i 280 cv di potenza a 5.500 giri ed i 420 Nm di coppia tra 3.000 e 4.000 giri. Tenete però a mente che vi è anche una seconda motorizzazione, questa volta Diesel: il 2.0 EcoBlue da 190 cv.

Le prestazioni non fanno di certo rimpiangere la RS, anzi, tutt’altro, visto che abbiamo una velocità massima di 250 km/h autolimitati e uno 0 a 100 dichiarato di 5,7 secondi, benché -pensate un po’- durante la nostra prova siamo riusciti a fare addirittura di meglio: 5,2 secondi!

I consumi, a loro volta, non sono spaventosi come avrete pensato, bensì adeguati: la casa dichiara una minima di 6,2 litri per 100 km in tratto extra urbano, fino ai 10,8 dell’urbano. Chiaramente, durante la prova, abbiamo voluto osare un po’ e, inaspettatamente, non sono saliti troppo, toccando di poco gli 11 litri per 100 km.

Il sound è accattivante e genuino, specialmente quando si seleziona la modalità Sport, che consente qualche piacevole scoppiettio tra una marcia e l’altra.

CAMBIO

 Il cambio è un manuale a 6 rapporti, dotato tra l’altro di una velocità di cambiata superiore del 7% rispetto al cambio presente di serie sulla Focus standard. Questo grazie alla tecnologia rev-matching, in optional con il pacchetto Performance, che garantisce una maggiore fluidità nel cambio e scalate più rapide. In alternativa, è disponibile anche il cambio automatico a 8 marce.

GUIDA

Ma alla guida com’è? Focus ST si rivela davvero grintosa, tra l’altro parliamo di una Ford a trazione anteriore con eLSD, ovvero il differenziale elettronico a slittamento limitato che contribuisce nel migliorare ingresso e uscita in curva e stabilità. Come? Ottimizzando la trazione su tutte le superfici e per i vari input del conducente. Non scordiamo che la rigidezza degli smorzatori è stata incrementata del 20% nell’avantreno e del 13% nel retrotreno e l’altezza di marcia è ridotta di 10 mm per migliorarne la tenuta di strada e le prestazioni in tutte le condizioni.

Numerose le modalità di guida: Slippery/Wet, Normal, Sport e, per i modelli equipaggiati con il Performance Pack, Circuito. Ciascuna modalità regola le funzioni di Focus per adeguarsi allo scenario di guida. Nella modalità Circuito, nello specifico, lo sterzo è più rigido, l’acceleratore più aggressivo, con la massima trazione. Attenzione però, perché, come dice il nome, questa mode dovrà essere usata solamente in pista, mentre per divertirci sulle strade del test drive abbiamo sempre mantenuto Sport.

SICUREZZA

Fondamentale tenera a mente che la sportività non esclude la sicurezza. Su Ford Focus ST, infatti, sono numerosi gli ADAS, tra cui il Cruise Control adattivo con Stop&Go, riconoscimento dei segnali stradali e centramento di corsia, assistente attivo al parcheggio ed Evasive Steering Assist.

PREZZO

Il prezzo di partenza di Ford Focus ST è di 38.500€ per la versione 2.3 EcoBoost a benzina da 280 cv in prova, benché, sommando i vari optional, il nostro esemplare abbia un prezzo -promozioni escluse- di poco superiore ai 40.500€. La versione Diesel da 190 cv, invece, parte da un listino di 39.100€.

CONFIGURA FORD FOCUS ST