News

Hummer: il fuoristrada americano potrebbe rinascere grazie all’elettrico

General Motors sembrerebbe pronta a rilanciare il brand Hummer. Fin qui nulla di strano: non sarebbe la prima né tantomeno l’ultima “resurrezione” di una Casa automobilistica. La notizia “bomba” che sta circolando in questi giorni, tuttavia, è un’altra: GM potrebbe far rinascere Hummer come veicolo 100% elettrico. Una svolta epocale in termini di immagine per una Casa che, nel corso della sua breve storia, è stata sempre associata al concetto di auto americana ingombrante, pesante e inquinante.

A sganciare la notizia “esplosiva” è stato il The Wall Street Journal. Secondo il quotidiano finanziario USA, GM avrebbe reclutato la star dell’NBA LeBron James per comparire, in qualità di testimonial, in uno spot dedicato al nuovo veicolo elettrico Hummer che verrà trasmesso durante il Super Bowl (la finale del campionato di Football americano) il prossimo 3 febbraio. La clip, secondo la fonte, anticiperebbe un modello previsto per il debutto sul mercato nel 2022.

Un modello che, sempre secondo la fonte, dovrebbe essere venduto con il brand GMC, il marchio di GM dedicato a SUV, fuoristrada e pickup che stenta a trovare una propria personalità rispetto ai truck Chevrolet. La presenza di un “GMC Hummer”, per di più elettrico, porterebbe fin da subito il brand sotto le luci della ribalta, aiutandolo ad emergere con un prodotto distintivo all’interno dell’orbita GM.

L’idea di associare la tecnologia elettrica ad un nome come Hummer, per quanto possa sembrare azzardata, in realtà non poteva arrivare in un momento migliore di questo, in cui i concetti di “truck” ed “elettrico” vanno a braccetto come mai prima d’ora. La presentazione di Tesla Cybertruck avvenuta lo scorso novembre e il suo incredibile successo mediatico, nonché i vari annunci da parte di Ford e Rivian sull’imminente arrivo sul mercato di SUV e pickup elettrici, hanno certificato che il mercato americano (e non solo) sia già pronto per accogliere questo tipo di veicoli a braccia aperte.