News

Hyundai i30 2020: con il restyling è anche mild hybrid (Video)

Da sempre, Hyundai i30 si rivolge ad una fascia di clienti che desiderano un’auto sicura e affidabile nel segmento C, moderna, efficiente, connessa e anche bella da vedere. Oggi, con il restyling di metà carriera che vedremo in anteprima mondiale al Salone di Ginevra 2020, queste caratteristiche vengono ulteriormente enfatizzate da un design più personale e raffinato, interni più tecnologici e motori anche elettrificati.

Il restyling esterno interessa i gruppi ottici, ora più sottili e dotati di una nuova firma luminosa a LED, che si abbina alla stessa tecnologia (LED MFR) per gli anabbaglianti. La mascherina Cascading Grille (introdotta per la prima volta nel 2016 proprio su Hyundai i30) viene allargata e resa più elaborata, grazie ad un motivo grafico 3D che ne esalta l’aspetto dinamico. Nuovi anche i paraurti (con particolare attenzione per quelli del pacchetto sportivo N Line) e i cerchi in lega da 16 o 17 pollici (18 per N Line). Nuove anche le tinte carrozzeria Dark Knight, Silky Bronze, Sunset Red, che si abbinano alle nuove colorazioni interne Pewter Gray, Ebony Brown e Charcoal Gray.

L’allestimento N Line è la grande novità del restyling: già presente prima del restyling su i30 5 porte e i30 Fastback, arriva ora in versione aggiornata (con griglia specifica e finiture nere) anche sulla versione Wagon. La dinamica di guida cambia al pari dell’estetica, con una differente messa a punto di sterzo e sospensioni, mentre i motori disponibili con questa versione sono solo quelli più potenti: il nuovo 1.5 turbo benzina T-GDi da 160 CV o il 1.6 turbodiesel CRDi da 136 CV.

L’interno di Hyundai i30 restyling 2020 cambia nei dettagli, a cominciare dai nuovi profili per le bocchette di aerazione e per il nuovo alloggiamento del display dell’infotainment, ora affiancato da comandi a sfioramento nella parte bassa della console per raggiungere le funzioni principali del sistema.

A livello di infotainment compaiono per la prima volta la strumentazione digitale da 7 pollici e un nuovo display touch da 10,25 pollici, quest’ultimo compatibile con Apple CarPlay e Android Auto, nonché con i servizi connessi resi possibili dalla piattaforma Bluelink di Hyundai. I LIVE services di Hyundai comprendono eCall, riconoscimento vocale basato su cloud, informazioni in tempo reale su traffico, meteo, autovelox, benzinai e parcheggi e funzioni di controllo remoto della vettura tramite Bluelink app.

La dotazione tecnologica viene arricchita, infine, di nuovi ADAS: Lane Following Assist (LFA), Rear Collision-avoidance Assist (RCA), Leading Vehicle Departure Alert (LVDA), Blind-Spot Collision-Avoidance Assist (BCA) e Front Collision-Avoidance Assist (FCA) ora non solo con rilevamento rilevamento veicoli e pedoni ma anche ciclisti.

A livello di motorizzazioni, debutta su quasi tutta la gamma il sistema mild hybrid a 48 V, insieme al nuovo motore 1.5 T-GDi da 160 CV (abbinato al cambio 7DCT a doppia frizione o ad un manuale a 6 rapporti intelligente iMT con funzione veleggio), al 1.0 T-GDi da 120 CV (6 rapporti iMT o 7 DCT) e al 1.6 CRDi da 136 CV (6 rapporti iMT o 7DCT). Presente, senza mild hybrid, il 1.6 CRDi da 115 CV.