News

Il gruppo Hyundai-Kia svela il cambio automatico con intelligenza artificiale

Il nuovo cambio automatico sviluppato dal Gruppo Hyundai-Kia sfrutta l’intelligenza artificiale per scegliere i rapporti più adatti in base alle condizioni della strada e del traffico, migliorando il comfort di marcia e riducendo i consumi.

Il primo cambio automatico con tecnologia ICT (Information and Communication Technology) Connected Shift System al mondo nasce come sintesi di oltre 40 brevetti depositati sia in Corea del Sud sia all’estero e si differenzia dai cambi automatici attuali (che cambiano automaticamente in base a preferenze impostate dal conducente, ad esempio la modalità di guida Smart Drive Mode disponibile su molte vetture attuali a marchio Hyundai e Kia) proprio per l’intelligenza artificiale.

PIÙ DI UN CAMBIO “INTELLIGENTE”

Questa “legge” i dati provenienti dalla mappa del navigatore 3D, dalle telecamere (tra cui quella che legge la segnaletica orizzontale) e dal radar dello smart cruise control e, attraverso un algoritmo inserisce la marcia migliore per quella determinata condizione. Esempio pratico: se il sistema prevede una lunga coda imminente e il radar non rileva irregolarità tra la nostra velocità e l’auto che ci precede, l’intelligenza artificiale stacca la frizione e inserisce la folle per migliorare l’efficienza.

Altro esempio: sulle strade tutte curve, rispetto ad un cambio tradizionale il sistema è in grado di ridurre la frequenza delle cambiate di circa il 43% e la necessità di frenare di circa l’11%. E ancora: quando ci si immette in un’autostrada o una strada a scorrimento veloce, il sistema avverte la necessità della massima potenza e inserisce automaticamente la modalità Sport, che viene poi disattivata una volta che il veicolo si uniforma al traffico.

IN CONTINUA EVOLUZIONE

In futuro la tecnologia ICT Connected Shift System si evolverà ulteriormente, integrando la lettura dei segnali stradali, l’intercomunicazione V2I tramite rete LTE e 5G e l’identificazione dello stile di guida dei conducenti.

Autore dell'articolo:

Showcar