News

Il Motor Show si tramuta in Festival

Dite addio al Motor Show che conoscevate, sarà infatti Modena, per i quattro giorni dal 16 al 19 Maggio 2019, ad essere il nuovo scenario per il “Motor Show Festival – Terra di Motori“.

Questo è ciò che è stato annunciato dal direttore generale di BolognaFiere, Antonio Bruzzone, alla conferenza stampa che ha avuto luogo ieri a Milano, affiancato dal presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, dal sindaco di Modena, Gian Carlo Muzzarelli e da Vincenzo Conte di Centro Studi Promotor.

Cambia tutto dunque: data, location e format, evolvendosi, così da diventare emblema di uno dei territori italiani a più alta produttività, con più di 9.500 aziende che operano nella filiera automotive.

BolognaFiere – aggiunge il direttore generale Bruzzone – opera con una
logica aziendale di competitività e l’ottica di ottimizzazione e
miglioramento continuo non poteva non interessare la progettualità di Motor
Show. Ecco quindi l’esigenza di un nuovo progetto più agile e flessibile, un
vero e proprio evento più che un salone inteso in modo tradizionale”.

Ma la domanda che ci si pone ora è: Perché proprio Modena?

Ebbene, Modena si trova a 30 minuti di distanza da Bologna, è comodissima a tutte le principali arterie di comunicazione ed è, inoltre, in grado di organizzare eventuali mezzi speciali per il trasferimento al Festival. I padiglioni, infine, sono idonei ad ospitare la parte espositiva della fiera, e potranno dunque rispondere alle esigenze degli espositori già partner del Motor Show, senza tener conto dell’autodromo, nel quale si potrà assistere a spettacoli e performance.Tutti i programmi sono in definizione, c’è un grandissimo fermento.

BolognaFiere ha attivato una nuova unità operativa che da oggi risponde a ModenaFiere e all’amministratore delegato Paolo Fantuzzi, in cui confluisce tutto il team di Motor Show.
Entro un mese ci sarà il progetto analitico per espositori e partner.

Autore dell'articolo:

Showcar