Elettrico & Tech

Incentivi auto elettriche e ibride fino a 15.000 euro: la proposta del Ministro Costa

La sburocratizzazione e l’incentivazione della sostenibilità è una delle ricette del Ministro dell’Ambiente Sergio Costa per uscire dalla crisi. Nel corso di una lunga intervista rilasciata al Corriere della Sera, il titolare del dicastero ha affrontato diversi temi, esprimendo timore per la possibilità che la crisi dovuta al coronavirus possa allentare la stretta sulle emissioni del green New Deal annunciato dalla Commissione Europea. Si è parlato di come la sostenibilità ambientale resti comunque una delle ricette per uscire dalla crisi. Una sostenibilità che deve andare a braccetto con uno snellimento della burocrazia.

Tre sono le parole chiave: semplificazione, velocizzazione e sburocratizzazione. Termini complementari. Velocizzazione significa contingentamento dei tempi delle autorizzazioni. Sburocratizzazione vuol dire che chi deve dare un parere lo dà in valutazione tecnica e non burocratica. La semplificazione vuol dire incidere sulla procedura amministrativa.

L’esempio lampante? La riduzione dei tempi tecnici per realizzare una colonnina di ricarica. Non è accettabile, secondo il Ministro, che siano necessarie tra 11 e 18 autorizzazioni amministrative. Stesso discorso per l’allestimento di un campo fotovoltaico: dagli attuali 3-5 anni si passerebbe a 6 mesi.

ECOBONUS: FINO A 15.000 EURO PER LE AUTO ELETTRICHE

Un altro modo per dare una “scossa” al mercato è quello di incentivare pesantemente le famiglie a cambiare la propria vecchia auto con un veicolo a basso o bassissimo impatto ambientale. L’attuale meccanismo degli Ecobonus offre già incentivi fino a 6.000 euro per l’acquisto di un’auto elettrica o ibrida a fronte della rottamazione di un’auto da Euro 0 a Euro 4.

La proposta del Ministro è per certi versi “shock”, perché prevede di alzare ulteriormente la posta in gioco:

…a chi vuol cambiare una macchina a motore termico da Euro 0 a Euro 5, invece di dare 5 mila euro come adesso se ne possono dare 15 mila. Si ingolosiscono le persone a passare a un’auto ibrida oppure total elettrico, visto che sono state realizzate tante colonnine sul territorio.

In questo modo, secondo Costa si innescherebbe un circolo virtuoso: le case automobilistiche sono spinte a produrre più auto sostenibili, si riducono i costi e la tecnologia è invitata ad avanzare più velocemente.

È un’idea semplice e tocca le famiglie: sono loro a fare il cambiamento del paradigma economico, non le grandi imprese.