Elettrico & Tech

Lancia Ypsilon Hybrid: come funziona il sistema mild hybrid? Focus tecnico

La nuova Lancia Ypsilon Hybrid EcoChic è il primo modello nella storia del glorioso marchio italiano ad adottare un propulsore elettrificato. In questo articolo scopriamo come è fatto, come funziona e quali vantaggi può offrire il sistema mild hybrid della nuova Lancia Ypsilon Hybrid. Lo stesso che troviamo, tra l’altro, sotto il cofano delle nuove Fiat 500 e Panda Hybrid.

LANCIA YPSILON HYBRID ECOCHIC: MOTORE

Il cuore del sistema mild hybrid di Lancia Ypsilon è il nuovo propulsore FireFly, un 1.0 tre cilindri benzina aspirato capace di erogare 70 CV di potenza e 92 Nm di coppia massima. Il motore termico è abbinato ad un motore elettrico generatore/starter azionato a cinghia (BSG). Il BSG è collegato direttamente all’albero motore: il suo compito è quello di recuperare energia in decelerazione per riutilizzarla in accelerazione. Il sistema è semplice ed è coadiuvato da un nuovo cambio manuale a 6 rapporti, ottimizzato per la riduzione dei consumi e per offrire un maggior comfort di marcia rispetto alla vecchia unità a 5 marce.

LANCIA YPSILON HYBRID: SISTEMA IBRIDO

La parte ibrida è composta da una batteria convenzionale a 12 V, uno “switch module” che gestisce gli scambi di energia e una batteria a 12V agli ioni di litio da 11 Ah (0,13 kWh). Il sistema, in gergo “dual battery system”, recupera l’energia cinetica che altrimenti andrebbe sprecata, restituendola quando necessario con una potenza aggiuntiva di circa 3 kW / 5 CV.

LANCIA YPSILON HYBRID: COME FUNZIONA?

Il sistema ibrido di Lancia Ypsilon, in quanto mild hybrid (qui tutte le differenze tra le auto ibride), non permette alla vettura di viaggiare in modalità esclusivamente elettrica ma si limita ad offrire un supporto al motore termico nelle fasi più critiche per i consumi. Lancia Ypsilon Hybrid presenta quattro modalità di funzionamento.

  • e-assist: nella marcia normale, il motore elettrico aiuta il motore a benzina;
  • e-coasting: quando si rallenta, alzando il piede dall’acceleratore a marcia inserita, si recupera energia ricaricando la batteria;
  • e-braking: quando si frena, aumenta il recupero dell’energia;
  • sailing: intorno a 30 km/h, sul quadro strumenti inizia a lampeggiare una N, è la vettura che consiglia di inserire la folle per diminuire consumi ed emissioni. Il motore si spegne, la vettura scorre con motore spento e consumo zero, anche quando si arriva ad un semaforo rosso o ad un segnale di precedenza. Se il semaforo torna verde o la coda si muove mentre l’auto è ancora in movimento, sul quadro strumenti appare la marcia migliore da inserire. Premendo la frizione, il motore si riaccende subito senza vibrazioni.

LANCIA YPSILON HYBRID: QUANTO INCIDE L’IBRIDO SU CONSUMI E COSTI?

Il sistema mild hybrid di Lancia Ypsilon Hybrid Ecochic è semplice, perché non necessita di punti di ricarica esterni e non modifica lo stile di guida. Ma è anche efficace nella riduzione delle emissioni di CO2 (abbattute di 29g/km nel ciclo NEDC correlato) e dei consumi di carburante (ridotti fino al 24%) rispetto al 1.2 Fire. Quanto consuma Lancia Ypsilon ibrida? La Casa dichiara 4,0 – 4,1 l/100 km ed emissioni di CO2 pari a 90-92 g/km. In più c’è l’omologazione Euro 6D Final.

I costi di gestione di Lancia Ypsilon Hybrid sono inferiori rispetto a quelli della precedente versione a benzina. Ipotizzando una percorrenza di 10.000 km/anno prevalentemente in città, secondo i calcoli di Lancia la nuova Ypsilon Hybrid Ecochic permette di risparmiare circa 250 euro di carburante. Ci sono poi anche altri costi di esercizio inferiori. In Lombardia, per esempio, il bollo è scontato del 50% e se si rottama una vettura si è esenti dal suo pagamento per 3 anni, con un risparmio di 130 euro/anno. In totale, con Ypsilon Hybrid si risparmiano, in Lombardia, circa 380 euro l’anno. In 5 anni si risparmiano 1.900 euro e il costo maggiore all’acquisto della versione Hybrid rispetto al modello precedente si ripaga in circa 1 anno e mezzo.