Rendering

Maserati Baby Levante: rendering e data uscita del D-SUV, anche elettrico

Maserati si prepara ad una nuova fase: il marchio del Tridente, protagonista all’inizio di questo decennio di un piano di rilancio che non ha avuto gli effetti sperati, scommette sull’elettrificazione per tornare alla sostenibilità finanziaria. La strategia del rilancio, annunciata il 1° giugno del 2018 in occasione del Capital Markets Day di FCA, non cambia, ma si arricchisce con tanti nuovi modelli, per un totale di 10 novità Maserati dal 2020 al 2023.

La prima parte del prossimo decennio, dunque, sarà quella buona per vedere finalmente delle novità di prodotto nel portfolio Maserati, oggi composto dalle vetusta (seppur ancora affascinanti) GranTurismo e GranCabrio, dalle berline Ghibli e Quattroporte e dal SUV di segmento E Levante. Le novità previste si suddivideranno in tre categorie: nuovi modelli, nuove generazioni di modelli esistenti e restyling di modelli esistenti. Ma l’aspetto più rilevante (specialmente quando si parla di un marchio come Maserati, la cui storia è legata indissolubilmente al rombo dei motori) è che tutti i nuovi modelli e le nuove generazioni saranno disponibili anche in versione 100% elettrica. Di seguito tutti i nuovi modelli attesi: 

  • 2020 – sportiva (probabile versione di serie della concept car Alfieri, anche elettrica);
  • 2020 – restyling di Levante
  • 2020 – restyling di Ghibli
  • 2020 – restyling di Quattroporte
  • 2021 – sportiva Cabrio (probabilmente Alfieri)
  • 2021 – D-SUV (finora noto come “Baby Levante”, anche elettrico)
  • 2021 – Nuova GranTurismo (anche elettrica)
  • 2022 – Nuova GranCabrio (anche elettrica)
  • 2022 – Nuova Quattroporte (anche elettrica)
  • 2023 – Nuovo Levante (anche elettrica)

Ed è proprio del D-SUV – il “Levantino” – che vi proponiamo la nostra ricostruzione in esclusiva. Atteso nel 2021, questo crossover di dimensioni medie si posizionerà al di sotto di Levante, scontrandosi (si spera ad armi pari) con mostri sacri del segmento D, a cominciare da Audi Q5, BMW X3/X4, Mercedes-Benz GLC/GLC Coupé e Porsche Macan. 

Lo stile sarà – come per tutte le Maserati – il biglietto da visita del nuovo SUV medio, che trarrà ispirazione dal concept Alfieri del 2016 (specialmente per quanto riguarda i fari sottili e la calandra a listelli verticali) e dalle proporzioni da SUV-Coupé dell’attuale Levante. L’impatto estetico sarà più moderno, grazie ai proiettori a matrice di LED con nuova luce diurna e alle superfici della carrozzeria, più sofisticate pur rimanendo eleganti e pulite. 

Dal punto di vista meccanico, la base di partenza del SUV compatto Maserati non sarà più la vecchia piattaforma di origine Daimler-Chrysler che oggi troviamo sotto a Ghibli, Quattroporte e Levante, bensì la recente architettura Giorgio sviluppata per Alfa Romeo Giulia – QUI la nostra Prova su Strada e Alfa Romeo Stelvio – QUI la nostra Prova su Strada. Un’evoluzione tecnica che premierà senz’altro il piacere di guida. A tal proposito, ricordiamo che la gamma motori non sarà più composta solamente da propulsori termici (candidato ideale è il 2,9 litri V6 da 510 CV di Stelvio Quadrifoglio) ma anche, per la prima volta, da un powertrain 100% elettrico, di cui al momento conosciamo ben poco. Non ci resta che attendere fiduciosi il 2022. Nel frattempo, fateci sapere che ne pensate della nostra ricostruzione, qui sotto nei commenti oppure sui profili Instagram e Facebook di Showcar!

Autore dell'articolo:

Showcar