News

McLaren 765LT: potente, leggera e aerodinamica

Avrebbe dovuto essere una delle regine del Salone di Ginevra, poi cancellato a causa del coronavirus. Parliamo della supercar inglese McLaren 765LT, ultimo capitolo di una lunga serie di McLaren Longtail, ovvero caratterizzate da un’aerodinamica estremizzata che culmina con la caratteristica “coda lunga”. 765, come da tradizione McLaren, sono i cavalli di potenza ma, in questo caso, anche il numero di esemplari di questa serie limitata.

Spinta dal sempreverde 4.0 V8 biturbo, in grado di sprigionare 800 Nm di coppia, la nuova LT è in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in 2,8 secondi e da 0 a 200 km/h in 7,2 secondi, raggiungendo una velocità massima di 330 km/h. La cura speciale LT prevede un Pack aerodinamico completamente in fibra di carbonio, composto da splitter anteriore, paraurti anteriore, pianale anteriore, minigonne laterali, paraurti posteriore, diffusore posteriore e alettone attivo posteriore più grande.

All’aerodinamica migliorata si abbina, come da tradizione, un alleggerimento complessivo del veicolo di 80 kg rispetto alla McLaren 720S di derivazione, per un totale di 1.339 kg in ordine di marcia e 1.229 kg a secco. Un valore inferiore di oltre 50 kg rispetto alle concorrenti dirette a parità di caratteristiche, dovuto ad accorgimenti come lo scarico a quattro uscite in titanio (posizionato in alto e dotato di un sound esclusivo per la LT), i vetri più sottili e finestrini in policarbonato, come sulle auto da corsa. Senza dimenticare i cerchi in lega forgiati superleggeri a 10 razze, i bulloni in titanio e gli pneumatici Pirelli P Zero Trofeo R.

La dinamica del veicolo viene ulteriormente enfatizzata da un telaio più affilato, complici molle e ammortizzatori specifici LT, una carreggiata anteriore allargata, un’altezza libera dal suolo ridotta e una gestione dedicata per il software del Proactive Chassis Control II. Migliorano anche i freni, con l’introduzione di dischi carboceramici e pinze prese in prestito dalla hypercar McLaren Senna. Queste integrano al loro interno i condotti per il raffreddamento dei freni, una tecnologia derivata direttamente dalla Formula 1.

Completano l’allestimento LT gli interni, che prevedono sedili sportivi e tunnel centrale in fibra di carbonio, rivestimenti in Alcantara (materiale raffinato ma soprattutto leggero) e l’assenza, per ridurre al minimo la massa, di climatizzatore e sistema audio (che possono comunque essere richiesti gratuitamente).