News

Nissan Ariya Concept: design, infotainment e sicurezza

Presentato al salone di Tokyo 2019, Nissan Ariya anticipa il primo SUV 100% elettrico della Casa automobilistica giapponese. Un veicolo creato per rappresentare un nuovo inizio che vede insieme, in un unico veicolo, il design futuristico e il progresso tecnologico al servizio del confort, della funzionalità e della sicurezza.

V-MOTION DESIGN

Linee precise e moderne sono state pensate per Nissan Ariya, emblema della mobilità elettrica, nonché  inno all’artigianalità giapponese grazie ai dettagli ramati del tetto e dei raggi dei cerchi che simboleggiano il sorgere del sole di un nuovo giorno o forse di un nuovo futuro, fatto di modernità e stile. L’innovazione in fatto di design cambia radicalmente il modo di pensare il veicolo, infatti il Concept Nissan ha sostituito la canonica griglia frontale con uno Shield (in inglese “scudo”) unico pezzo in policarbonato, materiale resistente e funzionale, in grado di proteggere il veicolo da agenti aggressivi e detriti stradali, e regalare un’estetica completamente diversa anche in funzione della texture 3D e del disegno geometrico classico giapponese. Il motivo dietro questa scelta stilistica risiede nell’esigenza di dare un nuovo volto alle auto del futuro che in vista dell’assenza di un motore termico non necessita di raffreddamento e permette un restyling al limite dell’immaginabile.

All’interno, l’abitacolo è molto confortevole e lussuoso e subito, grazie al pianale piatto e alla scelta dei materiali, si ha la percezione di avere maggior spazio. Il logo Nissan Ariya Concept aggiunge carattere al design dell’abitacolo, così come i dettagli high-tech del pannello dei comandi tra i sedili anteriori.

INFOTAINMENT FUNZIONALE

Il nuovo sistema di infotainment pensato per Ariya segue la filosofia del Timeless Japanese Futurism in linea con il design dello Shield frontale e può contare sul supporto di ben due schermi posti seguendo un andamento curvilineo perfettamente integrato nel cruscotto. La ragione di questa scelta non solo stilistica, ma anche funzionale, deriva da uno studio che afferma la capacità del cervello umano di immagazzinare un maggior numero di informazioni quando queste sono disposte orizzontalmente. Il doppio schermo “a onda” compie un ulteriore passo in più superando l’era del tablet integrato e, seguendo la filosofia ENGAWA (che letteralmente indica la spazio tra il punto in cui si è e quello in cui si vuole andare), permette al conducente di andare ovunque mantenendo costante l’attenzione sulla strada e interfacciarsi con le informazioni in un modo rivoluzionario. Le informazioni circa la guida e la strada sono poste sullo schermo che funge da quadro strumenti tradizionale allineato alla vista del conducente, mentre sullo schermo centrale si trovano le informazioni d’intrattenimento e quelle circa lo stato del veicolo. Tuttavia sarà possibile modificare l’assetto delle informazioni, personalizzando la risposta del sistema.

MOTORE, SICUREZZA E CONNETTIVITÀ

In sostituzione del motore termico, Nissan ha pensato di inserire ben due propulsori elettrici con tecnologia e-4ORCE: la trazione integrale elettrica che consente un’erogazione bilanciata della potenza a vantaggio di una maggior manovrabilità del veicolo. Senza dimenticare un’autonomia di circa 480 km. Sono integrati sistemi di assistenza alla guida come e-Pedal (guida ad un solo pedale grazie alla frenata rigenerativa) e ProPilot2.0.

Quest’ultimo, ancora in fase di sperimentazione, grazie a contenuti audiovisivi coadiuva il conducente durante la marcia in autostrada, ad esempio calcolando i tempi di sorpasso e di rientro in corsia o semplicemente gli spostamenti del veicolo. In più la visione a 360 gradi, possibile grazie al sistema di telecamere, sensori, radar e sonar elabora dati in tempo reale ottimizzando l’esperienza di guida. Ultimo, ma non per importanza Nissan Ariya consente la funzione di guida autonoma quando il veicolo è su singola corsia. Unico requisito? Che il conducente stia attento alla strada! (Ariya è dotato di sistemi che consentono il monitoraggio dei livelli di attenzione del conducente). Neanche la ricerca del parcheggio sarà più fonte di distrazione in quanto sarà il Virtual Personal Assistant a trovarlo e fornire l’informazione dettagliata.