News

Opel Crossland X

Una carrozzeria fresca e compatta, un abitacolo estremamente spazioso e versatile, combinazioni bicolori di tendenza e il fascino del SUV: il nuovo Opel Crossland X è tutto questo. Questo versatile crossover urbano (Crossover Utility Vehicle) è il secondo membro della famiglia Opel X nel segmento B, dove si unisce a un bestseller sportivo come Mokka X. Nel corso dell’anno sarà lanciato anche il nuovo Grandland X nella categoria delle compatte (segmento C). Opel avvia in questo modo l’offensiva di prodotto “7 nel 17”, che vedrà il lancio di sette nuovi modelli nel 2017, con due novità con la X che uniscono il meglio di mondi diversi: vetture con un design grintoso, le virtù di un SUV e tutte le caratteristiche utili per la città. Sono i modelli Opel con l’X factor.

Rispetto a Opel Mokka X, un tipico SUV offerto con la trazione integrale a richiesta per occasionali escursioni fuoristrada, il nuovo Opel Crossland X è destinato alle aree urbane per le sue dimensioni esterne contenute, pur risultando perfetto anche per andare a fare compere in una fattoria biologica o per partire per una vacanza nella campagna Toscana. Con una lunghezza di 4,21 metri, il nuovo Crossland X è più corto di 16 centimetri rispetto ad Astra, che supera di 10 centimetri in altezza. I passeggeri possono così sfruttare la posizione di seduta rialzata che garantisce un’eccellente visibilità. Chi è alla ricerca di un’esperienza ancora più coinvolgente, può incrementare ulteriormente la sensazione di spazio con il tetto panoramico in vetro a richiesta.
L’ultimo modello della gamma Opel offre inoltre innovazioni eccezionali che rendono la guida quotidiana più sicura, più comoda e più semplice. I fari anteriori Adaptive Forward Lighting (AFL) full LED, l’head up display e la telecamera posteriore panoramica da 180 gradi, il sistema avanzato di assistenza al parcheggio Advanced Park Assist, l’allerta incidente Forward Collision Alert con sistema di rilevamento pedoni e frenata automatica di emergenza[1], il sistema per la prevenzione dei colpi di sonno Driver Drowsiness System, il sistema di mantenimento della corsia di marcia Lane Keep Assist, il riconoscimento dei limiti di velocità Speed Sign Recognition e il sistema di avviso angolo cieco laterale sono solo alcuni esempi.
Il nuovo Crossland X viene offerto inoltre con l’eccellente connettività tipica di Opel grazie a Opel OnStar e alla tecnologia di infotainment IntelliLink compatibile con Apple CarPlay e Android Auto con schermi touch a colori grandi fino a 8 pollici.
Guidatore e passeggero anteriore possono viaggiare nella comodità dei premiati sedili ergonomici certificati dall’associazione tedesca di esperti posturali AGR. Opel è il solo costruttore a offrire questo livello di comfort nel segmento (sia su Crossland X sia su Mokka X). Il volume del bagagliaio di 410 litri, senza abbattere i sedili posteriori, è al vertice della categoria. I passeggeri posteriori hanno inoltre la possibilità di regolare i sedili di ben 150 millimetri in direzione longitudinale, aumentando così lo spazio per le gambe o la capacità del bagagliaio, e incrementando la versatilità di Crossland X.
“La domanda di SUV e crossover di piccole dimensioni, studiati su misura per il traffico urbano, cresce in modo significativo. Crossland X con il suo design affascinante, l’eccellente connettività e l’elevata praticità rappresenta un altro ottimo modello in questa categoria accanto allo sportivo Mokka X,” ha dichiarato Karl-Thomas Neumann, CEO Opel. “Crossland X è una vettura agile che assicura un elevato piacere di guida in linea con lo stile di vita urbano, ed è pertanto il veicolo perfetto per la città e le gite in campagna.”
La categoria CUV/SUV B è in forte crescita: i dati di vendita sono quintuplicati dal 2010. Uno dei modelli più venduti e di tendenza è Opel Mokka X. Crossland X porterà nuovi stimoli in questo segmento di recente creazione e in rapida espansione che si posiziona al di sotto della categoria delle compatte, e garantirà un’ulteriore crescita del marchio Opel.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Autore dell'articolo:

Showcar