Anteprime

Porsche 911 Turbo S: la potenza è cabrio o coupé (Video)

Bella, scattante e più performante che mai, Porsche presenta il modello di punta: Porsche 911 Turbo S nelle due versioni Cabriolet e Coupé. La nuova generazione di 911 presenta modifiche sia da un punto di vista stilistico che meccanico al fine di rendere un modello storico in grado di emozionare sia gli appassionati del noto marchio che le nuove generazione.

Proposta nelle versioni Coupé e Cabriolet alimentate con un propulsore 6 cilindri da 3.8lt con due turbocompressori VTG in grado di generare 650 CV, quasi 70 CV in più rispetto al modello precedente e una coppia di 800 Nm, anche questa potenziata di oltre 50Nm.

Il nuovo modello monta un cambio a doppia frizione Porsche PDK a otto rapporti appositamente pensato per la versione Turbo che, sfruttando la velocità e la fluidità di cambio, riduce i tempi di accelerazione garantendo un tempo pari a 2,7 secondi per passare da 0 a 100km/h guadagnando ben 0.2 secondi rispetto al predecessore, ma non solo perché l’aumento dei parametri prestazionali conta un tempo di 8.9 secondi per andare da 0 a 200 km/h guadagnando 1 secondo di distacco dai modelli precedenti. Tuttavia la velocità massima accertata rimane 330 Km/h. 

Oltre alle caratteristiche prestazionali del sistema di propulsione, sono state apportate rilevanti modifiche dal punto di vista del funzionamento e infatti il nuovo propulsore, che trae ispirazione da quelli pensati per 911 Carrera, può contare su un rinnovato aspetto del sistema di raffreddamento e i due nuovi turbocompressori VTG, più grandi, sono disposti simmetricamente sulla valvola Wastegate arricchiti di flap elettro-regolabili. I tecnici Porsche hanno pensato di regalare ai nuovi modelli 911 Turbo S degli iniettori piezoelettrici in grado di rendere la vetture reattiva e potente mantenendo sotto controllo emissioni e ponderando bene lo scatto. Certo è che se si pensa ad un modello Porsche, il primo suono che ci accarezza l’orecchio è quello del motore aspirato che, nel caso dei modelli 911 Turbo S in uscita quest’anno, subisce una leggera modifica. Infatti il sistema di aspirazione viene invertito facendo convogliare parte dell’aria di processo attraverso le prese d’aria allocate posteriormente ai lati della vettura. In generale la nuova 911 Turbo S può contare su ben 4 prese d’aria considerando quelle che si intravedono dalla griglia del cofano posteriore. La ragione di questa riallocazione dei flussi d’aria? Migliorare l’efficienza del motore. Persino la turbina ha subito qualche modifica, infatti le giranti sono state aumentate nel diametro di 5mm e girano nella direzione contraria a quelle dei compressori, anch’esse aumentate di diametro di ben 3mm rispetto alle precedenti.

Per migliorare ulteriormente la risposta reattiva e aerodinamica del veicolo, Porsche ha modificato l’aspetto generale aumentando la scocca sull’asse anteriore portandola a 1.840mm e l’aumento dei volumi della carreggiata di ben 42mm che contribuiscono ad accentuare il carattere sportivo della vettura. Inoltre è stato pensato, in ragione della relazione tra potenza del motore e reazione alla strada, di permettere alla 911 Turbo S di montare una gamma diversificata di pneumatici, infatti la coppia anteriore monta un formato 255/35 da 20’’ in contrasto con la coppia su retro che vede gomme 315/30 da 21’’. La ragione di questa scelta “mista” è da leggere in coordinato anche con il cambiamento nell’assetto sportivo del telaio ribassato di 10mm con sistema PASM che permette sia la regolazione degli ammortizzatori su base elettronica, nonché un ottimo sostegno alla trazione integrale. Proprio per quanto riguarda la trazione integrale con sistema PTM (Porsche Traction Management), è importante sottolineare quanta potenza possa essere distribuita all’avantreno, circa 500Nm, attraverso il ripartitore. Potenza, questa, che viene ben ponderata dalla precisione con cui gli ammortizzatori sono in grado di fornire stabilità del rollio nonché un’eccellente tenuta di strada soprattutto in velocità durante una curva.  

Il frontale fornisce subito un look Turbo sia grazie alle prese d’aria più ampie, ma anche grazie ai gruppi ottici LED Matrix di serie con dettagli scuri a fare loro da cornice. Il Look super sportivo viene arricchito da un restyling dello spoiler frontale estensibile e dall’alettone più grande che garantisce inoltre un aumento della pressione di contatto. Ciliegina sulla torta per completare l’outfit della 911 Turbo S sono sicuramente i terminali di scarico rettangolari che vestono un tipico, lucidissimo e scintillante nero. Internamente l’attenzione è posta sulle rifiniture dallo strepitoso appeal sportivo che sfruttano materiali di finissima qualità come la pelle e l’immancabile fibra di carbonio in combinazione con dettagli Light Silver. Le dotazioni di serie si fanno strada tra loghi ed elementi grafici, infatti spiccano lo schermo centrale da 10.9” che supporta il sistema PCM e l’impianto audio Bose Surround Sound. Di serie sono il volante sportivo GT e il pacchetto Sport Chrono con l’app PTP (Porsche Track Precision).

Porsche 911 Turbo S Coupé e 911 Turbo S Cabriolet saranno disponibili in Italia da maggio 2020 a partire rispettivamente da 224.527 euro e  238.435 euro.