News

IONITY: quanto costa la ricarica rapida | Le tariffe

IONITY sta per terminare il periodo “beta”: a fine gennaio 2020 il consorzio – nato nel 2017 con l’obiettivo di creare una rete di ricarica ad alta potenza (fino a 350 kW) per le auto elettriche – concluderà la fase promozionale del proprio servizio di ricarica. Questo significa che gli utenti – ma, attenzione, non tutti – inizieranno a pagare una tariffa prestabilita per ogni kWh di energia elettrica erogato.

La tariffa “flat” del periodo di lancio durato 2 anni – 8 euro per una ricarica, indipendentemente dai kWh “prelevati” – purtroppo è destinata a rimanere un ricordo del passato. La notizia arriva direttamente dal CEO di IONITY Michael Hajesch, che in un’intervista pubblicata dal portale Electrive, anticipa quanto sarà necessario sborsare per ricaricare ad alta potenza presso la rete che entro fine 2020 conterà 400 stazioni, ognuna con 4-6 punti di ricarica.

PREZZI RICARICA IONITY 2020

Con il nuovo piano tariffario, in vigore dal 31 gennaio, i clienti che sceglieranno di ricaricare presso una stazione IONITY dovranno pagare una tariffa di 0,79 euro al kWh. Si tratta di uno dei prezzi più alti sul mercato delle ricariche rapide, in parte giustificati però dall’elevata potenza erogata che al momento non ha rivali.

Riteniamo che questo sia un prezzo adeguato al mercato e facilmente comprensibile – afferma il CEO -. Riflette la nostra gamma di servizi per il cliente finale, motivo per cui abbiamo deciso di fare questo passo.

Quella dei 0,79 euro/kWh è comunque la tariffa “massima”, riservata ai clienti occasionali che non usufruiscano di promozioni o convenzioni incluse in pacchetti di fornitori terzi (Mobility Service Provider, in breve MSP) che si appoggiano a IONITY. Come spiega Electrive, infatti, sono diversi i MSP che offrono l’accesso alla rete del consorzio IONITY (di cui fanno parte i Costruttori automobilisti BMW, Mercedes-smart, Volkswagen-Audi-Porsche, Ford e Hyundai-Kia), a prezzi €/kWh decisamente più vantaggiosi: dai servizi dei singoli produttori (BMW Charge Now, Mercedes Me Charging Service, Audi e-tron Charging Service, Volkswagen We Charge ecc.) a quelli dei provider quali Enel X o Duferco, giusto per citare i due più diffusi in Italia.