News

Stirling Moss: la leggenda della Mille Miglia muore a 90 anni

Nella giornata di Pasqua è morto, dopo una lunga malattia, il leggendario pilota inglese Stirling Moss. Soprannominato “campione senza corona” per il fatto di non essere mai riuscito a vincere a vincere un campionato del mondo di Formula 1 – si piazzò per ben quattro volte al secondo posto nella classifica piloti, nel 1955, 1956, 1957 e 1958 – in realtà Moss di successi ne ha collezionati tanti, specialmente nelle gare di velocità.

Il suo “regno” è stato sicuramente la Mille Miglia, competizione a cui legò il proprio nome a doppio filo con la Mercedes. A bordo di un’auto con la stella a tre punte, Moss portò a casa una delle due vittorie ottenute dalla Casa tedesca, nonché il record assoluto per la competizione: era il 1955 – due anni prima che la Mille Miglia intesa come gara di velocità venne bandita per i troppi morti lasciati per strada in 30 anni di storia – e Stirling Moss entrò nella storia, percorrendo i 1.592 km della tratta Brescia-Roma-Brescia in 10 ore 7 minuti e 48 secondi, con una velocità media di 157,650 km/h. Un record, impressionante considerando le condizioni delle strade di allora, che non venne mai eguagliato.

Sempre nel 1955, tuttavia, Moss regalò un’altra grande soddisfazione alla Mercedes, vincendo per la prima volta il Gran Premio di Formula 1 proprio nella sua Gran Bretagna. Fino alla fine, Sir Stirling – la Regina Elisabetta lo investì del titolo di Cavaliere nel 2000 – rimase legato alla Casa di Stoccarda in veste di consulente esperto di corse, nonché come brand ambassador negli eventi dedicati alle auto d’epoca. Numerose le sue partecipazioni alle rievocazioni della 1000 Miglia. Aveva 90 anni.