Elettrico & Tech

Tesla sceglie Fiat per la nuova compatta elettrica Model T #pescedaprile

FCA-Tesla, l’accordo sui crediti “verdi” si amplia: la Casa fondata da Elon Musk e il Gruppo italo-americano annunciano lo sviluppo della nuova Tesla Model T, la tanto attesa berlina compatta a 5 porte 100% elettrica di cui erano emerse alcune informazioni ufficiali lo scorso gennaio | Tesla svilupperà e produrrà in Cina nuovi modelli per il mercato globale.

In quel periodo, basandoci sullo sketch pubblicato dalla stessa Tesla, avevamo ipotizzato che Tesla fosse al lavoro per sviluppare un’auto elettrica dalle dimensioni compatte destinata – in quanto world-car – ad un pubblico più ampio rispetto agli attuali modelli “entry-level” della gamma. Una sorta di “auto del popolo” elettrica dal prezzo di 25.000 dollari, di cui tra l’altro si parla da diversi anni.

Nessuno si sarebbe mai aspettato che Tesla decidesse di accelerare i tempi, men che meno che si affidasse a FCA prendendo “in prestito” la base meccanica e parte della carrozzeria della Fiat Tipo per realizzare la sua prima 5 porte compatta. E invece la realtà è proprio questa: le due aziende, già in contatto per la questione dei “crediti verdi” – FCA ha versato a Tesla 1,8 miliardi di euro per attingere alla flotta elettrica del Costruttore americano e rientrare nei limiti per le emissioni imposti dall’Unione Europea a partire dal 2020 – hanno scelto di unire le forze per produrre quella che potrebbe davvero essere la prima auto elettrica “per tutti”.

Tesla Model T, svelata nella prima immagine ufficiale diramata da Tesla, unisce la concretezza del progetto Fiat Tipo (il cui restyling è in arrivo entro la fine del 2020) con la tecnica messa a punto dagli americani: la carrozzeria resta praticamente la stessa (ad eccezione del fascione anteriore senza calandra, in quanto non c’è più un motore termico da raffreddare), ma il powertrain diventa 100% elettrico, con un motore sincrono collocato al di sotto della scatola del cambio. Sotto al cofano, insieme all’elettronica di potenza, trova posto il classico “frunk” Tesla, ovvero un secondo vano bagagli dalla capacità di circa 40 litri, utile per riporre i cavi di ricarica.

Con Model T (l’utilizzo del nome è stato possibile tramite l’acquisto dei diritti da Ford), Tesla abbandona (in parte) gli effetti speciali dei modelli nati dopo il 2012 (da Model S in poi) per ritornare alle origini, quando Tesla Roadster non era altro che una Lotus Elise elettrificata. La filosofia di Tesla Model T è praticamente la stessa: sfruttare il più possibile i componenti di un modello esistente per realizzare un’auto elettrica accessibile.

Il pacco batterie da 50 kWh è collocato in parte sotto al divanetto posteriore, in parte sotto il pianale di carico, riducendo di un centinaio di litri il vano bagagli originale. Grazie all’ottimizzazione dell’aerodinamica, l’autonomia di Tesla Model T calcolata nel ciclo WLTP raggiunge i 350 km. Un valore che la avvicina ai 415 km di Tesla Model 3 in versione Standard Range Plus.

All’interno, sebbene Tesla non abbia ancora fornito alcuna immagine ufficiale, la plancia ricalcherà quasi totalmente quella di Fiat Tipo, con alcune modifiche alla strumentazione e al display dell’infotainment, che accoglieranno le informazioni essenziali per la marcia elettrica.

Interessanti, infine, le prestazioni: il singolo motore elettrico della versione Standard Range, unica attualmente disponibile, fornirà trazione alle ruote anteriori, per un’accelerazione 0-100 in 8 secondi e una velocità massima autolimitata a 170 km/h. Anche in questo caso, i tecnici hanno optato per il contenimento dei costi, offrendo comunque prestazioni più che sufficienti per muovere la vettura. Con Model T, Tesla entra in diretta competizione con la versione più economica di Volkswagen ID.3 con un prezzo pressoché allineato: si parla, infatti, di 29.900 euro.

Tesla Model T sarà prodotta in Turchia nello stabilimento di Bursa che attualmente sforna la gamma Fiat Tipo/Aegea: la data di uscita della Tesla elettrica compatta è prevista per il 1° aprile 2021, dunque tra un anno esatto

.

.

.

PESCE D’APRILE!

Mercato auto Italia: a marzo 2020 -85% | UNRAE chiede l’estensione dell’Ecobonus | Elettriche su del 49%