Elettrico & Tech

Toyota B-SUV, ibrido e 4×4: presentazione il 23 aprile

Il B-SUV di Toyota avrebbe dovuto essere una delle anteprime mondiali più importanti attese al Salone di Ginevra 2020. Una kermesse che, come sappiamo, è stata cancellata a pochi giorni dall’apertura a causa del coronavirus, spingendo i Costruttori a svelare le novità in altri modi. Tra i pochi che ancora non hanno tolto i veli alle proprie novità c’è Toyota. Stando a quanto riporta il sito di news spagnolo Autonocion.com, tuttavia, sembrerebbe arrivato anche per Toyota il fatidico momento: il SUV compatto su base Toyota Yaris sarà presentato il prossimo 23 aprile. Anche se, per il momento, dagli uffici stampa della Casa non trapela alcuna informazione.

INTEGRALE E IBRIDO

Pensato per coprire la parte bassa della gamma a ruote alte del marchio giapponese, al momento composta da Toyota C-HR (C-SUV) e Toyota RAV4 (D-SUV), il primo B-SUV di Toyota nascerà sulla piattaforma TNGA-B di Yaris. Si tratta di un’architettura modulare, progettata fin dall’inizio per essere modificata agevolmente. Per esempio, la parte posteriore può accogliere sia un tradizionale (ed economico) schema sospensivo a ponte torcente sia un più raffinato (e costoso) multilink. Stesso discorso per la trazione: anteriore o, sfruttando il multilink, integrale. Ed è proprio questa una delle specifiche più interessanti del nuovo B-SUV Toyota: un “sistema di trazione integrale intelligente”, abbinato alla più recente tecnologia ibrida di Toyota.

APPUNTAMENTO A GIOVEDÌ

Toyota B-SUV avrà un’altezza da terra elevata e un design che si preannuncia robusto. Ispirato a quello di C-HR e RAV4, ma addolcito in qualche punto da dettagli che richiameranno la piccola Yaris. Ad attenderlo sul mercato ci sarà un vero e proprio esercito di concorrenti, anche se quelli diretti, ovvero disponibili con trazione integrale, si contano sulle dita di una mano: tra questi, Jeep Renegade, Ford EcoSport e Hyundai Kona. Solo il Toyota B-SUV, tuttavia, sarà sia ibrido (full hybrid) sia integrale.