Elettrico & Tech

Così Volkswagen ID. Buzz elettrico darà nuova vita alle monovolume

In un periodo storico in cui la categoria dei SUV e dei crossover domina il mercato automobilistico a livello mondiale, l’avvento della mobilità elettrica su larga scala potrebbe cambiare nuovamente le carte in tavola. A beneficiarne, a sorpresa, potrebbe essere quella categoria, oggi in decadenza, delle monovolume. Dopo il boom dei primi anni 2000, gli MPV – Multi Purpose Vehicle – sono stati protagonisti di un lento e inesorabile declino. A volte comprensibile (il design di un SUV è generalmente più accattivante di quello di un monovolume), a volte incomprensibile (a parità di ingombri, un monovolume è molto più spazioso e versatile di un SUV).

STESSE DIMENSIONI, PIÙ SPAZIO

In Volkswagen, pronti a pensionare le monovolume “vecchio stile” Sharan e Touran, sono tuttavia convinti che per questo tipo di veicoli non sia ancora giunto il canto del cigno. Anzi. Sarà l’elettrico a restituire loro nuova linfa vitale. Del resto, gli MPV continuano ad essere imbattibili sotto il profilo dello spazio in rapporto alle dimensioni esterne. E l’elettrico non fa altro che enfatizzare questa ottimizzazione degli spazi, grazie ad una riduzione degli ingombri della parte meccanica.

BARICENTRO PIÙ BASSO, MIGLIOR PIACERE DI GUIDA

Aggiungiamo, poi, che anche la dinamica di guida – uno dei punti deboli delle monovolume tradizionali con motore termico – trarrà giovamento dall’elettrico: non solo perché i motori a elettroni garantiscono tanta coppia fin da subito, ma anche perché la collocazione del pacco batterie nella parte bassa del pianale abbassa il baricentro garantendo una significativa riduzione del rollio e un miglior controllo del veicolo in curva. Il risultato? Guidare una monovolume elettrica sarà più appagante che guidare una berlina a benzina o gasolio.

VOLKSWAGEN ID. BUZZ: IN ARRIVO NEL 2022

Il monovolume del futuro, secondo Volkswagen, non è altro che una rivisitazione di un concetto (di successo) del passato: già da diversi mesi, infatti, la Casa tedesca ha annunciato l’arrivo sul mercato, nel 2022, di Volkswagen ID. Buzz, versione di serie dell’omonima concept car ispirata al mitico pullmino elettrico degli anni ’50 Volkswagen T1, altresì noto come Microbus o Bulli.

Il Bulli del terzo millennio nascerà, come tutte le nuove auto della famiglia Volkswagen ID, sulla moderna piattaforma modulare per auto elettriche MEB, un’architettura già predisposta per accogliere la guida autonoma e tutti i sistemi di connettività avanzata per la sicurezza e l’intrattenimento di bordo. Se i numeri della concept car dovessero essere confermati, Volkswagen ID. Buzz avrà la trazione posteriore o quella integrale (grazie ad un motore per ogni asse), svilupperà una potenza massima da 200 kW a 275 kW e si spingerà da 0 a 100 km/h tra 8 e 5 secondi, con velocità massima autolimitata a 160 km/h. Il pacco batterie avrà una capacità lorda compresa tra 83 kWh e 110 kWh e garantirà un’autonomia massima di quasi 600 km, ripristinabile all’80% in 30 minuti grazie alla ricarica rapida.