News

Volkswagen Golf 8 ufficiale: foto, interni, motori ibridi e tecnologia (Video)

L’ottava generazione di Volkswagen Golf è stata presentata in anteprima mondiale, ultima evoluzione di un modello nato nel 1974 e venduto da allora in più di 35 milioni di esemplari: confermata l’evoluzione del design e la rivoluzione negli interni, insieme all’elettrificazione dei motori e all’arrivo della connettività avanzata

Nuova Volkswagen Golf 8 debutterà sul mercato alla fine del 2019: i primi esemplari saranno su strada nel 2020. Confermate la variante ibrida plug-in Golf GTE insieme ad una nuova ibrida plug-in meno potente, mentre le sportive Golf GTI e Golf R arriveranno nei prossimi mesi. 

ESTERNI GOLF 8: EVOLUZIONE, NON RIVOLUZIONE

Come da tradizione, il design esterno vincente di Volkswagen Golf non cambia troppo con il passaggio generazionale. Le novità estetiche saltano subito all’occhio, nonostante non parliamo di rivoluzione quanto piuttosto di evoluzione: le linee tese della Golf 7 di Walter de Silva restano, ma il team di Klaus Bischoff ha attualizzato alcuni elementi. 

L’evoluzione interessa il frontale, che introduce fari più spigolosi e una calandra sempre più sottile, con una presa d’aria inferiore che allarga visivamente la vettura. Inedita la firma luminosa a LED che prosegue fino al logo Volkswagen rinnovato (l’abbiamo visto per la prima volta su ID.3). I proiettori sono full LED di serie su tutte le versioni, con gli IQ.Light a matrice di LED optional. 

Le proporzioni bilanciate delle precedenti generazioni non verranno intaccate. Si allargherà invece la fiancata, ora attraversata da una linea di carattere alla base dei finestrini che integra le maniglie. Più bombati i passaruota, mentre resta l’iconico montante C dallo spessore generoso.

Nuovi paraurti, semplificati nel disegno e sempre disponibili in versione standard o R-Line più sportiva, donano un aspetto più maturo e contemporaneo alla nuova Golf. Le dimensioni di Volkswagen Golf 8: 4.284 mm lunghezza (+30 mm) x 1.789 mm larghezza x 1.456 altezza (-300 mm) x 2.636 mm passo.

INTERNI GOLF 8: DIGITALI E CONNESSI

Come abbiamo potuto vedere nei rendering rilasciati la scorsa settimana, nuova Golf verrà completamente stravolta negli interni, dove la digitalizzazione dell’abitacolo porterà una ventata di aria fresca eliminando la maggiorparte dei tasti fisici, ora sostituiti da elementi a a sfioramento nella parte bassa del display touch. Inedito il mini selettore del cambio DSG, inserito in un tunnel centrale più ampio.

Tutto è sarà raggruppato nel display centrale touch con diagonale massima di 10 pollici, posizionato sullo stesso livello della strumentazione, anch’essa digitale (da 10,25 pollici configurabile). Presente anche l’head-up display a colori, proiettato direttamente sul parabrezza. 

Grande attenzione per la connettività: Golf 8 è infatti dotata di serie dello standard Car2X: la vettura è predisposta per comunicare con altri veicoli connessi (e tutte le nuove VW dopo Golf e ID.3 lo saranno) e con le infrstrutture. Il raggio d’azione di questa tecnologia, che sfrutta la rete WLANp, è di 800 metri.

Per la comunicazione a lungo raggio interviene invece una eSIM integrata, che garantisce gli aggiornamenti OTA (anche per funzioni di guida assistita come il cruise control adattivo, acquistabile anche in un secondo momento) e il controllo remoto tramite l’app mobile. 

MOTORI VOLKSWAGEN GOLF 8: A TUTTO IBRIDO

I motori di nuova Volkswagen Golf saranno interessati quasi integralmente dall’elettrificazione, grazie alla tecnologia mild hybrid a 48 V

Il sistema mild Hybrid Electric Vehicle (mHEV) offrirà un supporto ai motori diesel e benzina di Volkswagen Golf attraverso un generatore-starter azionato a cinghia, un piccolo pacco batterie a 48 V e un convertitore DC/DC.

Il piccolo generatore supporterà il motore termico nelle fasi di transitorio e in accelerazione, fornendo maggiore spunto quando viene richiesta più potenza e ricaricando invece la batteria quando si rilascia l’acceleratore e si frena, recuperando fino al 40% dell’energia cinetica.

Il mild hybrid permetterà alla vettura di veleggiare a motore termico spento durante la marcia a velocità costante, oltre ad offrire un passaggio molto più fluido durante le riaccensioni del motore termico. 

Il pacco batterie, infine, accumulerà l’energia cinetica recuperata nelle fasi di frenata o rilascio. Il risultato di tutto questo sarà una riduzione dei consumi nell’ordine di 0,4 litri di carburante ogni 100 km (pari al 10% in meno), nonché una riduzione dell’usura del motore termico, che verrà “stressato” di meno. 

I primi motori a beneficiare di questo sistema elettrificato saranno quelli a benzina della famiglia EA211 evo, ovvero i 1.0 e 1.5 TSI abbinati al cambio a doppia frizione DSG. Questi motori prenderanno il nome di eTFSI e avranno potenze di 110, 130 e 150 CV.

Successivamente avverrà l’introduzione anche sui nuovi TDI 4 cilindri da 115 e 150 CV. Questi diesel prevedono l’installazione di due catalizzatori SCR in serie e la promessa di ridurre del 17% le emissioni di NOx. Disponibile praticamente da subito anche la versione a metano con il 1.5 TGI da 130 CV che abbiamo già conosciuto sull’attuale Golf. 

Golf 8 sarà inoltre disponibile anche in versione ibrida plug-in, nei powerstep da 204 CV e 245 CV, quest’ultimo esclusivo della nuova Golf GTE, con più potenza e autonomia rispetto all’attuale generazione grazie ad un pacco batterie dalla capacità aumentata. 13 kWh per entrambi, per un’autonomia di circa 60 km in modalità elettrica

VOLKSWAGEN GOLF 8: GUIDA AUTONOMA LIVELLO 2

La dotazione di assistenza alla guida avanzati (ADAS) di Nuova Volkswagen Golf prevede, di serie su tutti gli allestimenti, Lane Assist attivo e Front Assist con frenata di emergenza e riconoscimento pedoni, oltre alla connettività Car2X. Optional l’Adaptive Cruise Control con funzione predittiva (rallenta in prossimità di curve o rotatorie e legge i segnali stradali), il Traffic Jam Assist (per la guida in colonna) e il Travel Assist (guida autonoma in autostrada fino a 210 km/h).

VOLKSWAGEN GOLF 8 VIDEO LIVE STREAMING