News

La guida autonoma di Volvo è sempre più vicina

Uno dei pilastri su cui si fonda il successo di Volvo – lo sappiamo – è la sicurezza. Dagli albori della sua storia, la Casa automobilistica svedese (dal 2010 di proprietà della holding cinese Geely) ha sempre investito ingenti risorse nello sviluppo di sistemi di sicurezza attiva e passiva. L’ambizione è quella di azzerare il numero di morti o feriti gravi dovuti a incidenti stradali in cui sia stata coinvolta una vettura del Marchio già entro la fine del 2020.

Per raggiungere (e mantenere) tale obiettivo, lo sviluppo dei sistemi di assistenza alla guida avanzati (gli ADAS) è fondamentale, e lo sarà sempre di più quando queste tecnologie permetteranno alle Volvo di guidare in totale autonomia. La guida autonoma è uno dei grandi obiettivi per cui la Casa di Goteborg sta lavorando alacremente da anni, grazie anche a preziose partnership con società specializzate nello sviluppo di software e hardware.

Con una di queste società, in particolare, i rapporti sono stati più costruttivi che con altre: parliamo della divisione elettronica della società tech svedese Autoliv (ora nota come Veoneer), che nel 2016 ha costituito una joint-venture con Volvo Cars per condividere risorse e know-how nello sviluppo della guida autonoma. Zenuity – questo il nome della società detenuta al 50/50 dalle due aziende, ha sviluppato una piattaforma software che sta alla base di avanzati sistemi di assistenza alla guida, ma l’obiettivo è arrivare alla guida autonoma completa nel giro di pochi anni.

Per ottimizzare gli sforzi, nella giornata odierna Volvo ha annunciato una riorganizzazione di Zenuity: la joint-venture verrà suddivisa in due parti. Una, di proprietà Volvo Cars, si concentrerà sullo sviluppo e la commercializzazione di un software per la guida autonoma totale, senza intervento umano. Alcuni di questi sistemi faranno il loro debutto nella piattaforma SPA2, quella che troveremo sotto la terza generazione del SUV Volvo XC90. La seconda parte, invece, sarà integrata in Veoneer e si occuperà del continuo sviluppo e della commercializzazione di ADAS.