Elettrico & Tech

Restate a casa, ve lo ricorda anche Waze

Casomai ce ne fosse ancora bisogno, anche l’app di navigazione Waze invita gli automobilisti italiani a restare a casa in questo periodo di quarantena necessario per contenere la diffusione del coronavirus. Il supporto all’iniziativa #iorestoacasa, a cui ha aderito anche la redazione di Showcar, consiste nell’invio di un messaggio pop-up che apparirà non appena si aprirà l’applicazione di Waze.

Al suo interno, come mostrato nello screenshot che vi proponiamo qui accanto, un invito a tutti gli automobilisti italiani a stare a casa e ad uscire solo se strettamente necessario. Del resto, si tratta di rispettare le disposizioni contenute nei Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri emanati a partire dallo scorso 11 marzo. Disposizioni che permettono di uscire di casa (in auto ma anche a piedi) solo per comprovate esigenze di lavoro, motivi di salute o necessità, come ad esempio per fare la spesa. Ricordiamo, inoltre, che per tutti gli spostamenti occorre portare con sé l’autocertificazione | Nuovo modulo autocertificazione per gli spostamenti: dove scaricarlo |. In ogni caso, in base al Dpcm del 22 marzo, non si può uscire dal Comune in cui ci si trova, pena sanzioni pecuniarie variabili tra 300 e 4.000 euro.

Ma non è solo una questione di multe: restare a casa è l’unico modo che i cittadini hanno per contribuire a fermare la diffusione esponenziale del contagio. Si tratta, dunque, di una responsabilità civile e morale, per il bene di tutti.

Già nelle scorse settimane, quando il coronavirus sembrava confinato alle sole zone rosse in Lombardia e Veneto, la Community di Waze si era attivata per aggiornare in tempo reale la mappa stradale di tali territori con informazioni relative alle strade chiuse al traffico.